Nigeriano blocca il treno e picchia controllore: ''Mi annoiavo''

Condividi!

Il nigeriano, 25 anni, già gravato da un provvedimento di espulsione mai eseguito, ha tirato il freno d’emergenza bloccando il convoglio, ha aggredito il capotreno e, una volta fermato dalla polizia, ha dato un nome e un cognome falsi agli agenti per farla franca.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ accaduto su un treno partito da Brescia a diretto a Milano. Poco prima della stazione di Romano di Lombardia, il mezzo si era improvvisamente fermato a causa di qualche passeggero che aveva tirato il freno di emergenza. Il capotreno, così, raggiunge la carrozza dove era stato azionato il sistema di sicurezza. Dove ha trovato l’africano seduto in un vagone vuoto che fumava.

Quando il dipendente delle ferrovie ha chiesto al passeggero spiegazioni, il nigeriano, senza biglietto né documenti lo ha aggredito.

Gli agenti intervenuti hanno raggiunto il treno e, invece di abbatterlo sul posto, che non si può, hanno provato a calmare l’extracomunitario. Risultato essere un 25 nigeriano domiciliato a Milano, rapinatore seriale da poco uscito dal carcere e destinatario di un provvedimento di espulsione mai rispettato.

Perché li fanno uscire dal carcere con un foglietto che dice: vai via!

“Mi stavo annoiando”, sono state le sue assurde parole. Il 25enne è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio, per resistenza a pubblico ufficiale, per aver fornito false generalità e per aver violato la legge sull’immigrazione. Successivamente, il nigeriano è stato trasferito in un centro per il rimpatrio di Bari in attesa di essere espulso. Magari fa la fine del georgiano, speriamo.




Un pensiero su “Nigeriano blocca il treno e picchia controllore: ''Mi annoiavo''”

Lascia un commento