Retata di governatori PD: magistrati a caccia di vent’anni di ruberie nelle Marche

Condividi!

La Procura contesta il peculato ai governatori marchigiani succedutisi dal 2002 a oggi e ad alcuni assessori tuttora in carica. Sotto la lente, 20 anni di mala gestione dell’aeroporto di Falconara, privatizzato a luglio in extremis, poco prima del fallimento.

VERIFICA LA NOTIZIA
Una maxi inchiesta della Procura di Ancona fa tremare la Regione PD, l’ennesima. L’indagine, coordinata dal pm Paolo Gubinelli, tira dentro ben quattro giunte in vent’anni di governi di sinistra e non risparmia nemmeno quella attuale del presidente Luca Ceriscioli.

Come l’Umbria.

Il suo nome, in piena campagna elettorale e a pochi mesi dal voto per il rinnovo del governatore delle Marche, è tra i 78 indagati per peculato in concorso e continuato insieme a quello dei suoi assessori, Angelo Sciapichetti, Anna Casini, Manuela Bora, Fabrizio Cesetti e Moreno Pieroni.

Sono coinvolti anche i due ex presidenti di giunta Gian Mario Spacca e Vito D’Ambrosio con gli assessori di allora, e anche ex membri del cda di Aerdorica, la società di gestione dell’aeroporto, come l’imprenditore Giampaolo Giampaoli. Nel mirino della Procura sarebbero finiti proprio i rapporti intercorsi tra Aerdorica e la Regione. Nella lunga lista c’è anche l’ex direttore generale di Banca Marche Massimo Bianconi, ex presidenti di Aerdorica come Giovanni Belluzzi e l’ex dg Marco Morriale. La notizia è emersa in questi giorni con la richiesta di proroga delle indagini avviate a maggio dello scorso anno.




Lascia un commento