Onu apre le porte a 100milioni di immigrati: “I migranti climatici non possono essere espulsi”

Condividi!

Le istituzioni Onu hanno preso posizione a favore dei cosiddetti “migranti climatici”, una sorta di creatura mitologica, stabilendo che chi fugge da situazioni ambientali estreme non può essere oggetto di provvedimenti di espulsione.

VERIFICA LA NOTIZIA

O almeno questo è l’intento del Comitato delle Nazioni Unite per i Diritti umani, in risposta ad un ricorso avanzato presso tale organo da Ioane Teitiota, cittadino delle isole Kiribati, nazione del Pacifico, dopo che la sua richiesta era stata respinta nel 2013 dalle autorità neozelandesi.

Teitiota aveva richiesto in quell’anno lo status di rifugiato alle autorità di Wellington affermando che la sua situazione personale era analoga a quella dei migranti in fuga dalle guerre, dato che le condizioni di vita nel suo Stato insulare erano sempre più difficili a causa dell’innalzamento degli oceani favorito da quello che lui ha definito “riscaldamento globale”.

Anche il Comitato però, sottolinea l’emittente britannica, ha rigettato, in questi giorni, l’istanza del ricorrente, in quanto gli atolli di Kiribati non starebbero soffrendo attualmente un’emergenza ambientale tale da pregiudicare in maniera irreversibile il benessere e l’incolumità dei loro abitanti, ma ha elaborato un principio giuridico che rischia di incoraggiare migrazioni di massa motivate proprio dai mutamenti del clima.

Infatti questo comitato Onu ha definito il respingimento dei ‘migranti economici’ come una “violazione dei loro diritti umani fondamentali”.

Definendo un concetto di ‘migrante climatico’ che di qui a pochi anni potrebbe includere fino a 140 milioni di individui, attualmente residenti nell’Africa subsahariana, nell’Asia meridionale e in Sudamerica.

La domanda è: dove pensate di metterli?

Ovviamente nessun Paese ha l’obbligo di rispettare i dettami Onu. A meno che non firmi questo:

M5s tradisce ancora e vota sì a Global Compact ONU che apre porte all’invasione




5 pensieri su “Onu apre le porte a 100milioni di immigrati: “I migranti climatici non possono essere espulsi””

  1. bisogna capire cosa è il clima… il sole da solo in un secondo riscalda quante tutte le macchine nel mondo in un anno, quindi i migranti climatici non esistono, e poi non si capisce chi cazzo è l’onu per imporre l suo pensiero, l’onu in massima parte e’ fatto da negri che hanno interesse a sfollare l’africa per smollare i loro cari fraTeli agli altri , ma andate affanculo

  2. Siccome in Africa non ha mai fatto caldo, allora secondo l’ONU oltre 100 milioni di africani possono emigrare in Europa per “ragioni climatiche”. Nessuno mette in dubbio l’esistenza di un problema riscaldamento globale, ma non è dovuto a quello che dicono Greta e compagnia, bensì al fatto che nel pianeta siamo 8 miliardi, e l’aumento della popolazione non è causato da noi occidentali, ma dalla eccessiva prolificità degli africani.

  3. Oggi fa freddino,sto pensando di andare a Montecarlo come migrante climatico.Sicuramente nel granducato mi metteranno in qualche albergo vista mare,ma la paghetta,sara’abbastanza la paghetta?

  4. Ma è ovvio l’onu abbia approvato questa cosa. Tanto per cominciare l’assemblea è dominata dai paesi del terzo mondo, hanno tutto l’interesse a garantire che masse di propri cittadini possano spostarsi. Riducono la loro pressione giovanile e di disoccupazione ed instaurano una pesante ipoteca nei paesi di provenienza, che sono anche gli odiati paesi colonizzatori. In più l’onu come istituzione punta naturalmente a disaggregare gli stati ed ergersi come guida mondiale, potenzialmente come governo mondiale cui tutti devono ubbidienza incondizionata. Dobbiamo quindi stupirci di questo dettato sui migranti climitatici? Se ne vedranno delle belle nei prossimi decenni, se non vengono fermati.

Lascia un commento