Mihajlovic ‘vota’ Salvini: la sinistra gli augura un altro tumore

Condividi!

Scende in campo per le regionali in Emilia Romagna anche l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic : con una intervista a “Il Resto del Carlino”, Mihajlovic, reduce da trapianto per vincere la lotta con la leucemia, dichiara che è arrivata l’ ora di votare per il cambiamento. “Tifo per Matteo Salvini – dichiara il mister – e spero che possa vincere in Emilia Romagna con Lucia Borgonzoni”.

“Mi piace la grinta di Salvini, è un combattente – spiega ancora Mihajlovic ” è intelligente, capace e all’altezza di guidare il Paese”. Bene anche la scelta di una donna come candidata per la svolta (“le donne sono più forti degli uomini”). Ma Sinisa avverte: “Cambiare tanto per cambiare non serve. Io posso solo dire che sono in Italia dal 1992 e anche se non è il mio Paese di origine è come se lo fosse diventato. E, da allora, trovo l’Italia peggiorata. Quindi – conclude l’allenatore del Bologna- bisogna avere idee e la forza di migliorare”.

“Svegliarmi e leggere del sostegno e della simpatia del grande Mihajlovic… credetemi non ha prezzo”, ha commentato su Fb Borgonzoni l’endorsement dell’allenatore del Bologna. “Grazie di cuore Mister – chiude – speriamo insieme alla nostra squadra di riuscire a meritare questa fiducia , per il cambiamento dell’Emilia Romagna, con umiltà e tanta passione”.

E questo ha scatenato l’odio della sinistra. Insulti e offese a Sinisa Mihajlovic dopo il suo appoggio a Matteo Salvini in vista delle elezioni regionali di domenica. Il tecnico del Bologna, che in un’intervista a ‘Il Resto del Carlino’ ha espresso la sua fiducia nel leader leghista augurandosi “che possa vincere in Emilia Romagna con Lucia Borgonzoni”, è finito per questo nel mirino degli haters che sui social lo hanno ricoperto di insulti, arrivando in alcuni casi ad augurargli la morte.

L’allenatore serbo sta combattendo la sua battaglia contro la leucemia che lo ha colpito l’estate scorsa ed è reduce da un trapianto di midollo osseo. Tra coloro che si sono scagliati contro di lui per l’intervista pro-Salvini vi è anche chi gli rimprovera scarsa riconoscenza nei confronti di Stefano Bonaccini, presidente uscente dell’Emilia Romagna e candidato del centro sinistra alle elezioni di domenica, per il fatto di essere stato curato in un ospedale pubblico di Bologna.

La scelta di Mihajlovic non avrebbe mosso alcun voto. Sarà la reazione scomposta e volgare della ex sinistra a farlo.




Un pensiero su “Mihajlovic ‘vota’ Salvini: la sinistra gli augura un altro tumore”

Lascia un commento