Salvini: mi vogliono in cella, ma scappano dal voto

Condividi!

“Quelli che lanciano il sasso e poi ri-
tirano la mano sono i peggiori”.Così il
leader della Lega Salvini, dopo che la
Giunta delle immunità ha detto sì all’
autorizzazione a procedere per il suo
processo col voto della Lega.La maggio-
ranza,invece,ha disertato la riunione.

“Mi vogliono vedere in galera, ma non
hanno il coraggio di andare a votarlo
in Aula”, prima del voto in E.Romagna.
“Allora sono io che chiedo di andare a
processo”, ha detto Salvini in piazza.
“Sono i miei primi incontri pubblici
nelle piazze da indagato”, ha aggiunto.




Un pensiero su “Salvini: mi vogliono in cella, ma scappano dal voto”

  1. In realtà il vero obiettivo degli alti papaveri delle sinistre non è Salvini in galera, certo, la base ce lo vorrebbe, ed anche cose peggiori del carcere per il leader dell’opposizione nazionale, anche considerando che non c’è un vero possibile sostituto col suo carisma, al momento. Ma è azzopparlo politicamente come fecero con B. Una condanna, anche solo parziale, sarebbe più che sufficiente a far scattare la Severino, maledetta legge creata ad arte per combattere gli avversari politici, sapendo di avere la maggior parte della magistratura alleata. Che infatti non ha valso per i casi campani, chiamiamoli così per non fare nomi, che sono di sinistra, chissà come mai, mentre per Berlusconi fino all’ultimo giorno rendendolo di fatto ormai un innocuo ottuagenario.

Lascia un commento