Un nuovo Lutero contro Bergoglio: verso lo scisma in Germania

Condividi!

Ma dal punto di vista conservatore:

Lo “scisma” tedesco è vicinissimo, i cattolici ne sono sicuri. Qualche giorno fa infatti è stato organizzato a Monaco un evento per far fronte alle spinte riformiste della Chiesa tedesca. I conservatori non vogliono che il processo sinodale intrapreso dal cardinale Reinhard Marx e da altri vescovi progressisti – spiega Il Giornale – modifichi tanto la prassi della gestione ecclesiastica quanto alcuni punti essenziali della dottrina. “Chiediamo chiarezza a Papa Francesco – si legge in un documento pubblicato su Stilum Curiae -. Egli non ignora le posizioni dei vescovi tedeschi né il loro obiettivo, che è quello di estendere alla Chiesa universale le decisioni ‘vincolanti’ del loro ‘sinodo permanente’. Se egli condivide le loro deviazioni dottrinali abbia il coraggio di dirlo apertamente”.

E ancora: “Considerate le convinzioni ideologiche e le dichiarazioni pubbliche di molti vescovi tedeschi, non abbiamo dubbi a questo proposito: l’esito del percorso sinodale non può essere che la costituzione di una chiesa separata da Roma”. I due anni di “concilio interno” – fanno presente i conservatori – non possono che produrre una sorta di effetto scismatico. Marx e gli altri sembrano infatti disposti a cambiare la dottrina sull’omosessualità, mettere in discussione il celibato sacerdotale ed istituire una forma di diaconato femminile. Al contrario di quanto invece sostenuto da Viganò e dai fronti più tradizionali della Chiesa.

Ricordiamo chi è Marx:

Chiesa finanzia Ong con 150mila euro e una nuova nave per traghettare clandestini in Italia




Un pensiero su “Un nuovo Lutero contro Bergoglio: verso lo scisma in Germania”

  1. Interessante. Ancora di più perché questa spinta conservatrice viene dalla Germania, dove i membri cattolici sono sempre stati (negativamente) influenzati dai protestanti, l’eresia per eccellenza. Staremo a vedere, ma un vero scisma può verificarsi solo se si mette in discussione il Concilio Vaticano II.

Lascia un commento