Roma, donna in balìa degli immigrati:”la molestano ogni giorno” – VIDEO

Condividi!

Nel parco di Colle Oppio, popolato ormai da decine di sbandati, vive in condizioni disumane anche una donna affetta da problemi psichici. “Ogni giorno è vittima di violenze di ogni tipo”, denunciano i residenti.

“È l’unica donna sola che vive qui nel parco”, spiega Valentina. “La derubano in continuazione di soldi, vestiti e di tutto ciò che può essere riutilizzato dagli altri senzatetto che stazionano nella villa”, denuncia. “Ho visto io stessa – aggiunge – persone intente a razziare le poche cose che ha”. Ed è proprio per questo che aiutarla non è facile. Luciana non vuole nulla, rifiuta giacche, scarpe, maglioni, persino gli spiccioli, per paura di essere aggredita e picchiata da qualche sbandato. “Convive con centinaia di uomini, che si accampano nei giardini della villa, alcuni di loro – racconta Rossella – spacciano o fanno uso di droghe, quasi tutti eccedono con l’alcol per trovare la forza di vivere in condizioni così selvagge”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tra le volontarie c’è anche la convinzione che la donna abbia subito abusi fisici. “Quando vado a trovarla, spesso vedo dei preservativi usati accanto al suo giaciglio ”, spiega Valentina. “E quando abbiamo cercato di darle una tenda per farla dormire al caldo e ripararsi dalla pioggia – prosegue – lei ha rifiutato”. Il motivo? “Ha detto che se si fosse chiusa lì dentro sarebbe arrivato l’uomo nero e avrebbe fatto ciò che voleva”, aggiunge Valentina. Anche Rossella racconta di essere stata messa in guardia in più di un’occasione da Luciana sul comportamento aggressivo degli “uomini neri” che occupano il parco. “Sono prove abbastanza evidenti – continua la portavoce del Comitato Colle Oppio – del fatto che Luciana subisca delle aggressioni, anche fisiche”. “Del resto – aggiunge – è lei stessa ad avercelo fatto presente più di una volta tra le lacrime”.

I senzatetto italiani devono essere aiutati e per loro ci sono, ad esempio, gli hotel per profughi. Quelli stranieri devono tornare a casa.




4 pensieri su “Roma, donna in balìa degli immigrati:”la molestano ogni giorno” – VIDEO”

  1. Vorrei capire come sia possibile lasciare che questa poveretta viva un inferno simile!Dove cazzo sono gli assistenti sociali?Tutti a rapire bambini alle famiglie?E questi negri che vengono lasciati liberi di andare in giro a compiere reati di ogni tipo, in tempi migliori finivano impalati come monito!!!Questa é la merda che ci fate accogliere!

  2. La colpa è di questi elementi che stanno al governo. Non hanno nessuna sensibilità nei nostri confronti, noi siamo solo numeri che portano risorse e che loro distribuiscono con finanziamenti all’accoglienza ecc ecc. Purtroppo la colpa alla fine è nostra perché permettiamo a chi governa di fare tutto è di più. Se noi non ci ribbelliamo loro faranno sempre peggio. In modo pacifico dovremmo farci sentire andando in piazza,manifestare il nostro totale dissenso alle loro azioni, pretendere il nostro sacrosanto diritto di vivere in pace senza dover obbligatoriamente condividere con chi non è compatibile con le nostre origini culture e religioni. Basta stare zitti o lamentarci attraverso i social, credo sia arrivato il momento di dire BASTA.

  3. Sono al governo ancora una volta senza che nessuno li abbia eletti, dichiarano senza nessuna vergogna che sono la perché altrimenti ci sarebbe Salvini. Hanno detto che stanno salvando l’Italia dall’aumento dell’Iva, tuttavia hanno inventato altre tasse che non sono mai esistite. A pochi giorni dal voto in Emilia dicono di aver abbassato il Cuneo Fiscale, ritengo sia una solo una strategia elettorale. Non ci vuole una laurea per arrivare a capire. Stanno organizzando la modifica della legge elettorale per far sì che possano rimanere attaccati alle poltrone. Stanno distruggerlo il nostro paese e gli italiani non reagiscono. Cosa dobbiamo aspettare? Questi fra non molto ci abbligano ad accogliere immigrati a casa nostra. Per non parlare delle pensioni, stanno sempre la studiando il modo per non darci quello che abbiamo versato per una vita, ma danno la pensione a chi praticamente non ha mai versato NULLA. Questa non è democrazia, siamo sotto dittatura legalizzata in un certo senso. In queste condizioni non si può più vivere serenamente, è arrivato il momento di dire basta.

Lascia un commento