La Sardina Santori fa affari con coop accoglienza immigrati

Condividi!

“Abbiamo una cooperativa sociale che per noi ha costruito le famose sardine solidali. Faccio l’esempio di questa cooperativa e dei loro lavoratori assunti”. E qui casca l’asino: “Con questi decreti sono stati costretti ad andare via perché sono venuti meno il permesso di soggiorno e le garanzie di rimanere. Adesso fanno parte di quel mare, il mare di quelli che sono diventati invisibili”.

Sardine o parassiti?




Lascia un commento