Gregoretti, Salvini umilia Conte: “Finge di non sapere, sacrifica dignità per poltrona”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

“Se il 26 vinciamo qui in Emilia, il 27
vado a Palazzo Chigi con una lettera di
sfratto per Conte e il governo”. Così
il leader della Lega, Salvini, nel Par-
mense in vista delle Regionali.

E parlando della vicenda Gregoretti:
“Il presidente del Consiglio è un po’
distratto. Conte ha detto che non ne
sapeva niente quando io bloccavo gli
sbarchi. A me la gente che perde l’ono-
re e sacrifica la sua dignità per sal-
vare la poltrona fa un’immensa tristez-
za”. “Sono orgoglioso se mi processano
per aver difeso i confini del Paese”.

In una intervista al Corriere della Sera, il sedicente avvocato del popolo aveva detto: “Peraltro la vicenda risale al luglio 2019, quando era già in vigore il cosiddetto decreto Sicurezza-bis fortemente voluto dal ministro Salvini proprio allo scopo di rafforzare la competenza del Viminale”. Poi, il presidente del Consiglio si è ulteriormente chiamato fuori: “Le mie posizioni sul punto, formali e informali, sono tutte documentate e non è mia abitudine sottrarmi alle responsabilità. Se però devo rispondere della specifica decisione riguardante lo sbarco di una nostra nave in un nostro porto, non posso affermare di essere stato coinvolto se questo non è avvenuto…”. “Tutta la fase decisionale riguardante lo sbarco della Nave Gregoretti è stata gestita dall’allora ministro dell’Interno, che l’ha anche rivendicata, come attestano le dichiarazioni pubbliche dell’epoca”.

Salvini aveva già replicato in mattinata:”Il presidente del Consiglio, un pò distratto, ha detto che quando io bloccavo gli sbarchi lui non ne sapeva niente. A me la gente che perde l’onore dà un’immensa tristezza. La gente che sacrifica la sua dignità per salvare la poltrona mi fa un’immensa tristezza”.




Lascia un commento