Senza frontiere: cresce divario ricchi-poveri in Italia

Condividi!

In Italia cresce il divario tra ricchi
e poveri. Lo certifica la nuova stati-
stica Eurostat che mette a confronto
diversi tipi di reddito.

Il 20% della popolazione con i redditi
più alti può contare su entrate supe-
riori a sei volte quelle di coloro che
sono nel quintile più in difficoltà.
E il divario nel 2018 è aumentato pas-
sando dal 5,92 al 6,09. Il top è stato
raggiunto nel 2016 con 6,27. L’Italia
ha il rapporto peggiore tra i paesi più
popolosi:Germania a 5,07,Francia 4,23,
Regno Unito a 5,95 e la Spagna a 6,03.

Senza dazi le imprese fuggono in Romania. Senza frontiere gli immigrati vengono in Italia a lavorare al posto di Mario.

La presenza di Mohamed disposto a fare il giardiniere per la metà dei soldi di Mario sfovorisce i non ricchi ma piace tanto al ricco che potrà così avere il doppio dei giardinieri per lo stesso prezzo.

E ovviamente, poi, Mohamed si becca anche la casa popolare. E cure gratis perché troppo povero. E questo sfavorisce sia il povero che la classe media che paga le tasse.




Lascia un commento