Ratzinger contesta Bergoglio: “Non posso tacere”

Condividi!

Il Papa ombra fa così riferimento al Sinodo sull’Amazzonia, che ha avuto tra i temi centrali di discussione la possibilità, caldeggiata da Bergoglio, di ordinare come sacerdoti persone sposate.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ratzinger torna a farsi sentire. Nel libro pubblicato a quattro mani con il cardinale Robert Sarah, Benedetto XVI bacchetta Papa Francesco: “In questi ultimi mesi, mentre il mondo risuonava del rumore assordante creato da uno strano sinodo dei media che aveva la meglio su quello reale. Noi ci siamo incontrati. Abbiamo scambiato le nostre idee e le nostre preoccupazioni. Abbiamo pregato e meditato in silenzio. Ognuno dei nostri incontri ci ha reciprocamente confortato e tranquillizzato. Le nostre riflessioni effettuate in modi diversi ci hanno portato a scambiare lettere”.

“”Io credo che il celibato dei sacerdoti abbia un grande significato ed è indispensabile perché il nostro cammino verso Dio possa restare il fondamento della nostra vita. Non posso tacere”.




4 pensieri su “Ratzinger contesta Bergoglio: “Non posso tacere””

  1. il dramma che distrugge la Chiesa e la fede in Gesù Cristo Dio è rappresentato dalla pedofilia e dall’omosessualit, fra loro collegate.

    Il loro divieto è costante tanto nel Vecchio quantio nel Nuovo Testamento. Non è invece così per il celibato sacerdotale, che -come affermato ora al Tg1- è uninvenzione vecchia di 1.000 anni.

    Mosè parlava con Dio sul Sinai, fece alzare le acue d’Egitto, apparve col Figlio di dio sul Monte Tabor: era sposato con quattro figli. Il sacerdozio levitico era legato alla primogenitura. Tutti i profeti erano sposati. Pietro 1 parla di un Marco, figlio del primo papa: non ssiamosicure che fosse solo l’evangelista, Suo figlio spirituale, o anche un figlio reale.

    La Scrittura prova che lo Spirito Santo e i suoi carismi non sono per nulla menomati in coloro che sono sposati con figli. Cristo non disse mai che la scelta sacerdotale e famigliare dovessero essero alternative. Certamente, lo è la pedofilia o l’omosessualità che consistette nel tradimento di Giuda Iscariota, il quale diede il deretano al Sinedrio e ai suoi angeli.

    Credo che le vocazioni siano in calo e dove si può alleggerire il peso delle regole, sia necessario farlo in fretta per evitare che la Chiesa perisca. Il celibato sacerdotale è una legge alla predicazione Cristo, credo neanche sancita dai Padri e dai Concili fondamentali del IV secolo. Dunque non è partr dell’identità cattolica, perchè è non è nelle sue origini. a nulla rileva il fatto che sia vecchia di un millennio; non ha duemila come la Chiesa di Cristo e nemmno 6.000 come la morale e l’etica insegnate da Dio.

    Pertnato, può e dovrebbe essere rimossa. Magari rilanciando le FRATERNITA’ SACERDOTALI come fece san Pio X, accorgendosi che un prete da solo non può portare per tutta la vita la Croce di Cristo, senza cadere e rischiare di non rialzarsi più.

Lascia un commento