Meloni: “Se vinciamo in Emilia Romagna, Mattarella sciolga Camere”

Condividi!

Giorgia Meloni si trova in Emilia-Romagna per conquistare la roccaforte rossa e strapparla al governatore uscente Stefano Bonaccini, che si è ricandidato: “Il presidente Sergio Mattarella deve prenderne atto”, tuona la leader di Fratelli d’Italia, “se si vince anche qui esiste uno strumento a tutela dei cittadini che si chiama scioglimento anticipato delle Camere. Che si può usare quando il distacco tra il Palazzo e le persone è troppo”.

Secondo la leader di FdI, come riporta il Corriere della Sera, “il governo non ha probabilità di andare avanti, nonostante l’accanimento terapeutico. Avete visto Renzi? Dopo aver votato la manovra oggi ci dice che il reddito di cittadinanza non va bene”. Il tema, per Meloni, “è la sinistra che cerca di nascondersi. Dietro le sardine o facendo finta di non essere il Pd come Bonaccini”.




Vox

4 pensieri su “Meloni: “Se vinciamo in Emilia Romagna, Mattarella sciolga Camere””

  1. Comunicazione scadente: sarebbe stato meglio dire “preso atto della situazione sarebbe grave se Mattarella non sciogliesse le camere”.
    Così fai solo quella pericolosamente “ingenua”.

  2. Meloni finge di non sapere perchè il mattarello è stato infilato in
    quel posto, e non solo al quirinale.Ma anche in ”quel posto” a tutti noi.

    Ancora si rispetta un titolo anche se abusivo e si sia ampiamente e senza
    alcun dubbio dimostrato, il capo dei criminali di parlamento con il compito
    di tenere ad oltranza il branco di criminali al governo.
    E chiunque entri lì, deve essere gente a lui & loro gradita, vedi lo strascico di tempo,
    per formare quello sgangherato governo che è stato di Salvini,ben ancorato al passato come da schema e comunque adatto solo a tappare i fori delle cannonate con il chewing gum.

    Ormai lo si permette senza nemmeno usare una infinocchiatura mascherante.

    Certe richieste, si fanno ad un uomo che ricopre quell’incarico abusandone
    a piacere tanto è difeso a cominciare dai pirla delle ”forze dell’ordine” e da leggi
    opportunamente emanate per abbattere qualunque lesa di ”prestigio”.

    Con un vero presidente, non si sarebbe arrivato a tanto e nemmeno si sarebbero
    rese necessarie certe richieste.

    Meloni….ci sei o ci fai anche tu?
    Ti aspetti davvero che ”il presidente” che ci hanno forzatamente preparato a tavolino
    e fatto ingurgitare, sciolga le camere?

    E’ come chiedere a Riina di sciogliere i clan mafiosi.

    E poi, il polso degli italiani è stato ormai ampiamente testato,sono disposti perfino
    a far iniettare veleni e chissà quali porcate ai propri figli…..pur di rispettare
    leggi palesemente imposte dal NWO.

    Sanno benissimo che sull’italia vige l’assoluta catatonia oltre che la storica
    corruzione, ora possono ”lavorare” come gli pare senza nemmeno una maschera
    o una cloaca stellata per eventuali proteste e malcontento, tanto solo qualcuno mugugna
    e comunque resta bene a cuccia inoffensivo quanto inerme, tanto da risultare persino
    divertente e da barzelletta…oramai.

    Povera illusa.
    Le camere si potranno sciogliere solo quando qualcuno degno ed incorruttibile, avrà
    sciolto nell’acido tutti questi balordi criminali a cominciare da colui a cui si pongono
    richieste così idiote ed ingenue, salvo se non si tratti della solita manovra per
    apparire diversi, (tra l’altro alla meloni piace tanto la NATO).

    I politici devono sparire da questo pianeta.

    Abbiamo bisogno di tecnici, non di criminali corrotti,traditori pendagli da forca da mantenere a vita con il loro parassitismo.

  3. Dopo la prostituzione di Salvini ad Israel-USA, “ci” rimane solo la Meloni solo che non ha le idee molto chiare sul da farsi ed è (ancora?) troppo influenzata dal Pensiero Unico Euro-liberista. E’ necessario che in Parlamento approdino consistenti forze sovraniste in grado di salvare il salvabile di questo derelitto Paese.

Lascia un commento