Terremotati: 4° Capodanno al gelo mentre il governo trova casa ai migranti

Condividi!

E’ stato un altro Capodanno dentro le casette Sae, ‘Soluzioni abitative di emergenza’. Così i terremotati hanno salutato l’arrivo del 2020 nella fascia appenninica del Maceratese distrutta dal terremoto.

VERIFICA LA NOTIZIA

A Camerino, Castelsantangelo sul Nera, Visso, Pieve Torina e Ussita c’è stata poca voglia di festeggiare: è stato il quarto Capodanno al gelo.

Gran parte dei residenti che sono tornati a vivere in questi borghi hanno scelto di attendere il nuovo anno ritrovandosi dentro le cosiddette “Soluzioni abitative di emergenza”, ormai diventate strutturali, anche se sono stati in tanti quelli che hanno optato per il tradizionale cenone nei ristoranti aperti delle varie località.

Niente, invece, iniziative pubbliche in piazza, anche per la mancanza, in alcuni casi, di spazi adeguati per fare festa.

Abbiamo un governo che si impegna nel cercare case agli immigrati clandestini dopo anni di gozzoviglio, ma non riesce a risolvere i problemi dei nostri terremotati:

Lamorgese trova casa a 1.428 nigeriani, lascia ventimila senzatetto italiani al gelo




2 pensieri su “Terremotati: 4° Capodanno al gelo mentre il governo trova casa ai migranti”

Lascia un commento