Russia, nasce l’internet sovrana: impermeabile ad attacchi esterni

Condividi!

La Russia testa l’internet sovrana. In questo modo, in caso di attacco esterno, il sistema sarebbe impermeabile a tentativi di sabotaggio nella cyberwar contro dighe, ospedali, centrali nucleari, banche e tutti gli operatori connessi alla rete.

E’ bizzarro che l’Occidente, dove la censura sui social è ossessiva, parlino di “timore censure”: andate a cagare. Ditelo a Snowden.

La realtà è che i social come facebook sono stati creati per raccogliere informazioni (basti pensare alle foto per il riconoscimento facciale) in modo volontario. E gli Usa vogliono il monopolio.




Vox

2 pensieri su “Russia, nasce l’internet sovrana: impermeabile ad attacchi esterni”

  1. La chiesa nacque come entità universale in un impero parimenti universale. L’impero crollò, sostituito da regni nazionali romano-germanici o solamente germanici, ad oriente restò il simulacro di un impero ormai nazionale greco.
    In poco tempo sorsero una serie di chiese ‘nazionali’ in cui il sovrano del regno aveva il controllo della chiesa stessa. Ciò non poté avvenire in Italia poiché essa era il centro stesso propulsore dell’universalismo religioso. Erano le ‘reti’ di persone e informazioni e controllo più vaste e importanti che potessero essere concepiti con le tecnologie dell’epoca. Oggi le religioni, almeno nelle popolazioni secolarizzate, ha molto meno peso che la rete di informazioni che avvolge tutto, e con il 5G avrà effetti anche ‘materiali’ sulle cose e le persone. Nulla di strano che queste importantissimi reti tenderanno sempre più a ‘nazionalizzarsi’, possono starnazzare quanto vogliono, ma un potere tenderà sempre, per la sua stessa autoconservazione, ad assumere il controllo, se non il monopolio, di tutte quelle attività essenziali alla sua esistenza. Accadrà anche qua, resterà da vedere se gli stati nazionali verranno effettivamente annichiliti come vorrebbero certi criminali, e questa operazione verrà fatta dall’europa, o gli stati si riapproprieranno della loro sovranità.

Lascia un commento