Crolla fiducia nello Stato: toghe rosse e Parlamento ai minimi

Condividi!

Gli italiani non hanno più fiducia nelle istituzioni. Inevitabile in uno Stato che non ti fa votare e quando voti manda al governo sempre i soliti ladri di democrazia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Un’analisi demoscopica di Demos conferma il trend. La fiducia nello Stato, infatti, secondo il sondaggio, scende di sette punti percentuali rispetto al 2018, crollando a un risicato 22%.

E Camera dei deputati e Senato della Repubblica? Solo quindici italiani su cento.

Ma crolla la fiducia anche in figure terze come quella del Papa, oggi crollato al 66% contro il 77% del 2017. E’ l’effetto Bergoglio.

Scendono invece banche e banchieri, così come i magistrati, attori della Giustizia Italiana (e spesso pure della politica), e anche le associazioni sindacali, che vengono stimate da un italiano su quattro (23-24% circa).




Un pensiero su “Crolla fiducia nello Stato: toghe rosse e Parlamento ai minimi”

  1. Lo stato?non esiste…Un’entità amorfa,di bassissimo profilo,inaffidabile.Uno stato che impedisce tramite i suoi giochi di palazzo di votare.Uno stato che fa schifo in tutti i suoi aspetti.

Lascia un commento