“30 senatori lasciano il M5s”: Di Maio il traditore chiede aiuto ai magistrati

Condividi!

“So che usciranno 20 o 30 persone e che stanno valutando di fare un nuovo gruppo ma non credo che avranno la forza per farlo, quindi non li aspetto”.

Nel programma elettorale la liquidazione del Mes era categorica e i big grillini, da Dibba a Giulia Grillo fino a Francesca D’Uva, erano compatti. Poi è arrivato il dietrofront pro Ue.

La Maglie, con toni durissimi, attacca il vero traditore: “Si butta avanti chiedendo il solito soccorso ai magistrati, e strilla al mercato delle vacche, Luigi Di Maio, per nascondere che il traditore è lui, che il Mes lo voleva abolire e ora lo ha sottoscritto svendendo gli italiani a Bruxelles”, conclude la Maglie. Dunque, un hashtag assai esplicito: #nondureranno.

E’ scattato un vero e proprio allarme nel governo dopo le parole del senatore Stefano Lucidi: “So che usciranno 20 o 30 persone e che stanno valutando di fare un nuovo gruppo ma non credo che avranno la forza per farlo, quindi non li aspetto. Serve una spallata per far risvegliare il Movimento. Qualcosa deve cambiare in modo estremamente radicale”.

Ricordiamo chi è che ha tradito il programma elettorale:




Vox

Lascia un commento