Natale vietato in metà scuole italiane: niente Presepe per non turbare alunni musulmani

Condividi!

In Italia il Natale è sempre più a rischio. I nuovi arrivati impongono questo ‘arricchimento’: due studenti su 5, infatti, non avranno né albero né presepe in classe.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo rileva un sondaggio di Skuola.net su come stanno entrando le scuole italiane nel clima natalizio.

Il “rispetto” delle religioni altrui è il motivo della mancanza dei principale simboli della festa cristiana: l’opzione più scelta per abbellire aule e corridoi prevede solo addobbi e ghirlande.

E nel caso di 1 studente su 5 nel programma delle celebrazioni ci sono solo eventi ‘laici’, per turbare i ragazzi di “culture diverse”. Ammesso che si festeggi.

Ci stanno colonizzando.




7 pensieri su “Natale vietato in metà scuole italiane: niente Presepe per non turbare alunni musulmani”

  1. considerando che chi dovrebbe essere il primo (leggi Francisco) ad opporsi a questo in realta’ e’ il primo che lo auspica allora ben venga e che le sue chiese diventino altrettante moschee.

  2. in casa ho due musulmane (una sciita, l’altra sunnita!) e quando la mia compagna (ortodossa) ha allestito un presepio nessuna ha avuto da ridire. Abbiamo anche organizzato una cena “di Natale” anche se per loro non si tratta di una festività. L’importante, per vivere in armonia, sono la tolleranza ed il rispetto del prossimo, virtù che non possono mancare a tutte le persone (sufficientemente…) intelligenti.

    1. Scusa la battutaccia, ma dovresti raccontarci qualcosa in più altrimenti sembra che tu abbia un harem o una “collezione” di qualche tipo. Nulla da ridire nè sul harem nè sulla collezione, comunque.

  3. Li turba il Natale ma non che le scuole restino chiuse x le festività?Allora facciamo che le scuole dove non si festeggia restano aperte, chi vuole si tiene i figli a casa ma i kompagni insegnanti stanno li comunque, almeno non si turba nessuno tanto se ritengono che il Natale ed il presepe sono offensivi possono evitare di stare a casa a festeggiare una ricorrenza blasfema x gli ospiti musulmani.

Lascia un commento