Richiedente asilo ha stuprato decine di bambini in Italia: accolto perché gay

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Per comprendere quanto sia ridicolo il nostro ‘sistema di asilo’, vi raccontiamo la vicenda delmigrante gay che in dieci anni ha adescato centinaia di bambini e adolescenti maschi italiani: li voleva rigorosamente bianchi. Si fingeva una ragazzina. Sono state identificate decine di vittime, almeno 30.

Teatro degli abusi, come raccontava il giornale locale, Reggio Emilia.

Il migrante aveva chiesto lo status di rifugiato politico perché, a suo dire, era discriminato sessualmente nel paese di origine. Che è poi un trucco molto utilizzato:

La truffa dei clandestini che si iscrivono all’ArciGay per rimanere in Italia

Cosa che, invece, nel suo caso era vero. Purtroppo.

Così, invece di stuprare ragazzine come altri finti profughi gay, da ‘perseguitato’ ha potuto soddisfare i suoi deviati appetiti sessuali con i bambini italiani.

sudamericanoreggio

In oltre 10 anni ha adescato centinaia di adolescenti italiani all’uscita da scuola o attraverso social network come Facebook.

Aveva chiesto asilo come profugo perché “perseguitato sessuale nel suo Paese”.

Il pervertito, quarantenne, venne alla fine arrestato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Reggio Emilia due anni fa: “documentati centinaia e centinaia di abusi commessi“.

L’omosessuale richiedente asilo amava travestirsi da donna, e come tale si presentava agli adolescenti. Che poi trovavano la ‘sorpresa’: ha anche ‘postato’ in rete alcuni video delle violenze sessuali riprese di nascosto.

L’inchiesta coordinata dalla Procura di Bologna venne ribattezzata ‘Lost Innocence’: innocenza perduta, come quella degli italiani con il sistema dell’accoglienza.

I Carabinieri reggiani ricostruirono come in dieci anni l’uomo fosse riuscito a crearsi una sorta di alter ego femminile, ‘pubblicizzandolo’ tra gli adolescenti come una propria cugina particolarmente disinibita. Dalla finestra della propria abitazione gettava banconote ai minori in uscita da scuola – alcuni di soli 13 anni – inducendoli a salire in casa e a consumare rapporti sessuali con quella che pensavano essere la ‘donna dei propri sogni’.

Accoglienza, pedofilia, travestimento e social network. I media hanno normalizzato le pratiche più oscene, i risultati sono questi.




2 pensieri su “Richiedente asilo ha stuprato decine di bambini in Italia: accolto perché gay”

  1. No!Per queste cose al suo paese deve tornare a rate dopo una lunghissima agonia.Prima deve pagarla, comodo rientrare a casa ed essere giustiziato in fretta!Lenta lavorazione fisica e psicologica, della sua mente deve restare solo un caleidoscopio di terrore!

Lascia un commento