Presepe: Gesù è nero e nasce sul barcone dei clandestini

Condividi!

Gesù bambino nasce su una barca di clandestini nel presepe allestito nelle chiese del centro storico di Padula, Salerno, dall’associazione “Amici del Presepe – sezione Pietro Gallo”.

Usano presepe come mezzo di propaganda terzomondista, spogliandolo del suo significato religioso. O non lo fanno, o lo utilizzano per “sensibilizzare” sulla questione dell’immigrazione.

VERIFICA LA NOTIZIA
Edmondo Cirielli interviene in merito al presepe esposto a Padula con Gesù che nasce in un barcone. “Gesù bambino è nato in una mangiatoia sotto ad una capanna. E non su una barca di migranti. Basta mistificare le nostre tradizioni soprattutto in vista del Natale”. Così il Questore della Camera e parlamentare salernitano di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli commenta l’allestimento di un presepe collocato all’interno di una delle chiese nel centro storico di Padula. “Con questo presepe che messaggio si vuole trasmettere ai più piccoli? Che l’Italia deve essere invasa da migliaia e migliaia di clandestini per lo più islamici e far pensare falsamente che anche Gesù fosse un immigrato? Siamo alla follia. Le nostre tradizioni – spiega – non possono essere piegate agli interessi degli scafisti o dei padroni delle cooperative dell’accoglienza e non si può assolutamente calpestare la veridicità dei nostri Vangeli”, conclude Cirielli.




2 pensieri su “Presepe: Gesù è nero e nasce sul barcone dei clandestini”

Lascia un commento