Don Biancalani querela tutti (anche Salvini): “Non faccio sesso coi profughi”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
A seguito di questa notizia:

Gli immigrati di don Biancalani si accoppiano sulle auto davanti alla chiesa – VIDEO

Commentata da Salvini:

Don ‘piscina’ Biancalani, che ha appena ricevuto 60mila euro di fondi pubblici dalla Regione Toscana per ristrutturare 3 appartamenti da destinare ai suoi ospiti africani, è andato su tutte le furie e ha deciso di querelare Salvini.

Fra le dichiarazioni, c’è quella di un cittadino che racconta di rapporti sessuali consumati sul cofano delle automobili. Davanti alla chiesa. Ma non si deve dire.

Questa storia del querelare perché tanto non costa nulla deve finire. Chi lo fa senza alcuna motivazione reale, deve pagarne le conseguenze. Troppo facile ingolfare i tribunali di sciocchezze.

Ma Salvini non è l’unico. Ha infatti pubblicato una foto raffigurante un pacco di querele indirizzate alla Procura della Repubblica di Pistoia: “24 querele depositate questa mattina. Basta insulti, offese, minacce!”. Nel mirino, quindi, i “leoni da tastiera”, ma non tutti: Biancalani ha scelto di colpire solo chi ha esagerato, passando il segno e diffamandolo gravemente alludendo al sesso e ai rapporti tra parroco e migranti. “In questo momento – spiega don Biancalani – occorre mandare un chiaro segnale a questi cosiddetti leoni da tastiera, che non possono scrivere tutto quello che passa loro per la testa. Sarà un caso, ma da quando ho pubblicato la notizia delle querele, non ho ricevuto più nessun messaggio”.




Lascia un commento