Immigrati senza biglietto pestano agenti: ‘condannati’ a dormire a casa

Condividi!

E’ l’ennesima aggressione commessa da immigrati nei confronti dei rappresentati delle forze dell’ordine intervenuti a bordo di un treno dopo la segnalazione di un controllore. Come sempre, l’addetto aveva trovato i migranti sprovvisti di biglietto.

VERIFICA LA NOTIZIA

Innervositi dalla richiesta del pubblico ufficiale, che dopo avere preso come offesa personale, visto che il migrante non ha doveri, ma solo diritti, hanno opposto un netto rifiuto, restandosene immobili al loro posto. La situazione è in breve degenerata.

Il capotreno ha chiesto loro di scendere alla prima fermata disponibile, ma anche in questo caso ha dovuto scontrarsi con la ferma opposizione degli extracomunitari.

All’arrivo dei poliziotti e alla richiesta di esibire i documenti ed identificarsi, i due hanno risposto, ancora una volta, con un netto rifiuto.

Portati fuori dal treno, i due si sono rivoltati contro gli agenti, aggredendoli a calci e pugni nel tentativo di guadagnare una via di fuga.

Arrestati e condotti negli uffici della Polfer i delinquenti stati arrestati con l’accusa di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, oltre che per il reato di lesioni personali.

Informato sui fatti, il questore di Reggio Calabria ha emesso nei loro confronti un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Reggio. Dopo aver convalidato l’arresto, il giudice ha poi disposto l’obbligo di dimora presso la loro residenza, con il divieto di lasciare l’abitazione dalle ore 22:00 alle ore 6:00.

Insomma, hanno l’obbligo di dormire a casa. Una vera punizione.

Gli agenti sono invece finiti all’ospedale.




Un pensiero su “Immigrati senza biglietto pestano agenti: ‘condannati’ a dormire a casa”

Lascia un commento