Il governo finanzia l’invasione: 5 mila euro ad ogni immigrato che rimane in Italia

Condividi!

Invece di pagarli per andarsene, li pagano per rimanere in Italia senza lavorare: o cacciamo questo governo, o questo governo caccerà gli italiani dal futuro dell’Italia.

Siamo sotto assedio: governo, Ong, Vaticano e toghe rosse uniti contro il popolo italiano.

Solo ieri sono sbarcate due navi ong, una tedesca e l’altra francese. Scaricando in Sicilia oltre cento clandestini: la nave tedesca è arrivata in porto senza attendere il permesso, d’improvviso:

Alan Kurdi, Ong tedesca entra in Italia senza permesso e sbarca decine di clandestini – VIDEO

Nelle stesse ore un aereo vaticano portava a Roma alcune decine di immigrati dall’isola greca di Lesbo. Guidati dal famigerato ‘elemosiniere’ di Bergoglio. Che ci ha avvisato:

Cardinale svela il piano di Bergoglio: 26mila immigrati da ospitare in Italia, arrivati primi 43 dalla Grecia

Non è tanto il numero il problema, ma il significato: senza Salvini l’Italia è preda di potentati stranieri e nemici interni.

Nemici che sono abusivamente al governo per tassare gli italiani e dare i soldi agli immigrati. Con il reddito di cittadinanza, ad esempio:

5mila euro ad ogni immigrato: il documento che svergogna Di Maio

Diamo 5mila euro a immigrati improduttivi perché rimangano in Italia. Il che nega alla radice la bizzarra idea che siano risorse e l’idea stessa di immigrazione: da sempre i paesi importano immigrati che servono alla propria economia, non importano parassiti da mantenere. Questo è un fenomeno moderno che non ha senso.

E le toghe rosse, ora, hanno il via libera:

No ai rimpatri e sì al reddito per i terroristi: è l’Italia del PD

Nessun ministro riequilibra la loro follia da invasati dell’accoglienza. Da fanatici di un mondo senza frontiere. Anzi, il governo li paga per rimanere in Italia e riprodursi: questa è eversione, è peggio del terrorismo. Perché il terrorismo colpisce una volta, le loro azioni avranno invece un impatto sulla vita dei figli dei nostri figli.

Se entro primavera questo governo non cade, l’Italia è perduta. E se il prossimo governo non sarà un governo sovranista, al limite del rivoluzionario, l’agonia sarà solo un po’ più lunga.

Perché, come ha spiegato Meluzzi, l’immigrazione è un’arma di distruzione moderna:

È necessario parlare dei #fenomeni dalla loro #causa, sennò non se ne capiscono gli #effetti. Non si capisce la libera circolazione delle #merci e una conseguente libera circolazione delle #persone imposta attraverso l’eliminazione dei #confini nazionali. È necessario applicare una #politica chiara. Questo #migrazionismo incontrollato non servirà né all’#Africa a cui toglieremo le forze migliori né all’#Europa, ma servirà forse soltanto a chi ha una visione #globalista per distruggere entrambe le civiltà. Ne abbiamo parlato a Quarta Repubblica.

Posted by Alessandro Meluzzi on Tuesday, December 4, 2018

E quell’arma, ora, è rivolta contro gli italiani. Perdere non è un’opzione.




Un pensiero su “Il governo finanzia l’invasione: 5 mila euro ad ogni immigrato che rimane in Italia”

Lascia un commento