«Milano preda di 48.900 clandestini»: volante vandalizzata perché non gli lasciano stuprare ragazza

Vox
Condividi!

Poco dopo la mezzanotte di venerdì 29 novembre, un 31enne marocchino, una volta individuata la sua vittima sulla 91, ha atteso pazientemente sulla filovia il momento opportuno.

VERIFICA LA NOTIZIA

La ragazza, una 21enne, arrivata alla sua fermata, in Viale Corsica è scesa dal mezzo pubblico per rincasare. Mentre faceva un tratto di strada a piedi, l’uomo credendo forse di non essere notato, l’ha molestata sessualmente. La giovane ha reagito mettendosi ad urlare. L’aggressore l’ha trascinata per terra, ma alcuni passanti accortosi del dramma che stava vivendo quella giovane ragazza sono intervenuti, difendendola, fino all’arrivo della polizia. Il nordafricano è stato così arrestato per violenza sessuale, resistenza a pubblico ufficiale e anche danneggiamento perché ha colpito più volte la vettura della polizia su cui poi è statto caricato e portato via.

Vox

«L’ennesimo episodio di violenza – ha commentato l’ ex vicesindaco di Milano e assessore regionale alla sicurezza Riccardo De Corato -, in questo caso sessuale, commesso da un extracomunitario. Da tempo denuncio che Milano è in preda ai 48.900 stranieri irregolari presenti, che vanno ad aggiungersi ai 262.521 immigrati regolarmente: numeri impressionanti e insostenibili per una città nella quale, oltretutto, opera un numero di forze dell’ordine insufficiente a contenere l’emergenza. Tanto che continuerò a chiedere al ministro dell’Interno Lamorgese che invii a Milano almeno lo stesso numero di agenti, 550, di cui ha dotato Roma recentemente».




6 pensieri su “«Milano preda di 48.900 clandestini»: volante vandalizzata perché non gli lasciano stuprare ragazza”

  1. Non se ne parla x via dell’imponente censura divenuta ancora più stringente con l’avvento di quest’ultimo “governo” abusivo.
    Il silenzio dei media é assordante, leggendo le notizie qui su Vox o sul primato ci si rende conto del quotidiano bollettino di guerra, i vari tg zero!!

I commenti sono chiusi.