Scandalo Fazio: 14 milioni di euro per leccare il culo alle Ong

Condividi!

Scoppia il “caso Fabio Fazio”, le sue leccate alle Ong ci costano milioni di euro, che vengono incassati dalla sua società, la ‘officina srl’.

Società che ha quasi triplicato i ricavi – soldi pubblici della Rai per la produzione del suo ridicolo programma di propaganda – passando da 3,83 milioni a 11,05 milioni di euro nel 2018.

Non solo, “oltre ai soldi versati alla Officina, la Rai riconosce direttamente a Fazio un compenso di 2,24 milioni lordi l’ anno. Nel bilancio 2018, approvato dai soci il 28 settembre, l’ utile netto è quintuplicato da 112.424 a 572.725 euro, accantonato a riserva”, si legge sul Sole.

“Da quanto ha reso noto la Rai o è trapelato sulla stampa, oltre al citato compenso di 2,24 milioni annui pagato a Fazio, la Rai versa a L’ Officina per l’ appalto di produzione altri 10,64 milioni all’ anno. Questa è la cifra della prima stagione 2017-2018, per il 2018-2019 si è parlato di 9,6 milioni. Questa somma include 704.000 euro annui per i diritti del “format” che spettano a Fazio. Il costo totale per la Rai però è ancora più alto, arriva a oltre 18,3 milioni l’ anno (dunque 73 milioni per quattro anni). Perché comprende ancora i costi di rete a carico della Rai per 5,4 milioni all’ anno: 2,8 milioni per scenografia, regia, redazione, acquisto diritti di filmati e foto; più 2,6 milioni per costumi, trucco, riprese, servizi in esterna e simili. Nel complesso è stato calcolato che, fino alla stagione 2018-2019, il programma di Fazio è costato alla Rai circa 410mila euro per ciascuna delle 32 puntate in prima serata e poco più di 160mila per ciascuna delle 32 in seconda serata”.




Lascia un commento