Salvini: “Mes ruba ai poveri per dare ai ricchi”

Condividi!

”Abbiamo dovuto usare le maniere un po’ forti per dire agli italiani che qualcuno a dicembre voleva firmare a nome vostro un trattato che, per come è scritto, ruba ai poveri per dare ai ricchi, ovvero usa i soldi dei risparmiatori italiani per salvare le banche tedesche”. E’ quanto ha detto Matteo Salvini a Portoferraio parlando del Mes. Lunedì quando il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, riferirà in Parlamento sul Mes, attacca, “mi aspetto una cosa strana, la verità”. “Speriamo che il weekend porti consiglio e che Conte dopo le minacce e le querele torni sulla terra e dica la verità agli italiani”.

“L’Europa era e può ritornare un grande sogno ma non in mano a qualche burocrate e qualche finanziere. Questo trattato per come modificato espropria di democrazia e sovranità i parlamenti e soprattutto i risparmi degli italiani”.

La Ue è, era ed è sempre stata un grande incubo per i popoli europei.

“Abbiamo convocato in Parlamento per lunedì il premier Conte – conclude -. Se hai firmato qualcosa, a nome degli italiani, che non avevi il permesso di firmare, dimettiti e chiedi scusa…”.




2 pensieri su “Salvini: “Mes ruba ai poveri per dare ai ricchi””

  1. “L’ Europa era e può tornare un grande sogno” COSA??? Salvini è tramontato, per ora se non arriva un personaggio più deciso, la Meloni ha il consenso popolare, emerge anche da un nuovissimo sondaggio. La vigliaccheria dell’ex premier leghista finalmente è percepita da molti. Anche se tornasse ai sani principi (no euro no europa) che lo hanno favorito sarebbe minestra riscaldata. Vigliacco, fregarsene e lasciare i connazionali in balia della dittatura criminale!

  2. L’Europa era, è e sempre sarà il grande sogno della Germania. Noi non ne facciamo parte. Non vogliamo farne parte. Il nostro passato e il nostro futuro è nel Mediterraneo, da dove doninare la quarta sponda (magari ripulendone un po’ la popolazione autoctona) e supervisionare i traffici con l’oriente.

    Una Patria, dal Rodano al Carnaro.

Lascia un commento