Chiude Berloni, era stata venduta a stranieri anni fa

Condividi!

Comprano il know-how e poi chiudono e se lo portano via:




3 pensieri su “Chiude Berloni, era stata venduta a stranieri anni fa”

  1. Questo é ciò che comporta il “meno Stato, più mercato”, tanto auspicato da ampi settori della “destra” italiana. Lo Stato non governa e non controlla l’economia? Ecco cosa succede, che il nostro settore industriale viene saccheggiato dai famosi investitori esteri, che una volta che acquisiscono il know-how, le aziende che hanno rilevato le chiudono. Ed é ciò che vuole fare Arcelor-Mittal con l’acciaieria di Taranto, o la Whirlpool.

  2. Nel paese degli unicorni, e dei Gentiloni, si aspetta che un principe straniero venga su un cavallo bianco, tedesco indiano cinese tutto purché straniero, e butti monete d’oro rubini e smeraldi a destra e a manca per gli italioti, (gli abitanti del paese degli unicorni).
    Per chi invece non crede alle stronzate: i capitalisti stranieri non aspettano altro, comprano a prezzi di saldo, carpiscono i “segreti” frutto del lavoro intellettuale e dei sacrifici dei “padri dei coglioni”, per poi chiudere e riaprire all’estero. Possedere un know how (specie quando proviene da decenni di lavoro intellettuale e sperimentale ad altissima qualità) costa, o come brevetti o come ricerca, i capitalisti stranieri come arcelor ce l’hanno gratis. Ricordiamo che i coglioni siamo sempre noi, giova saperlo

  3. Come è stato possibile arrivare a questi punti senza un motto di ribellione da parte degli italiani:
    abbiamo perso fior di imprese che ci davano da vivere, gli immobili di una terra da sogno…ad un valore vicino allo 0 acquistati da stranieri, stracci arrivati dal terzo mondo venduti al posto delle nostre manifatture prestigiose…ora le nostre strade sono terra di nessuno in mano a bande di scimmie. Ditemi! Cosa dobbiamo aspettare ancora per tirarli fuori da quei palazzi e impiccarli?

Lascia un commento