80% dei migranti si finge profugo per farsi mantenere dagli italiani

Condividi!

Non che il restante 20 per cento sia un vero profugo..visto che parliamo di pakistani, nigeriani e bengalesi

È stato presentato questa mattina a Modena, nell’ambito del bizzarro festival dell’immigrazione, il rapporto della fondazione Migrantes, ed è, loro malgrado, un’ode alle politiche di Salvini.

VERIFICA LA NOTIZIA

La contrazione degli approdi lungo le nostre coste in questo 2019 è del 56% rispetto all’anno precedente. Purtroppo tutta la contrazione è relativa al periodo in cui Salvini era ancora ministro, negli ultimi tre mesi, invece, gli sbarchi sono raddoppiati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Nel rapporto viene sottolineato come il 2019 si chiuderà con ogni probabilità con cifre molto vicine ai minimi storici sul fronte dei flussi in entrata in Italia. Ma con Salvini ministro saremmo rimasti molto al di sotto dei 10mila clandestini. Qualcosa che non vedevamo da decenni.

La rotta tunisina si è confermata come quella più “trafficata” nell’ambito dei flussi migratori diretti verso il nostro paese: dalle coste del paese nordafricano sono salpati 3.500 clandestini, 2.800 invece dalla Libia e 2.400 dalla Turchia e dalle coste dei paesi del Mediterraneo orientale.

Effetto positivo della chiusura dei porti nei 14 mesi di Salvini, il crollo nel 2019 dei richiedenti asilo: fino all’ottobre 2019 sono stati 27mila coloro che hanno fatto la domanda, contro i 44mila del 2018. I primi paesi di origine dei migranti che chiedono la protezione, sono i seguenti: Pakistan, Nigeria, Bangladesh, El Salvador, Perù, Ucraina, Marocco, Senegal, Albania. Ridicolo.

Nel report, è stato sottolineato inoltre un deciso aumento di coloro che fanno la domanda d’asilo una volta entrati via terra dal Friuli: sono in totale ben 5.526. E’ la marcia islamica: sono decine di migliaia quelli che premono alle nostre frontiere orientali.

Interessante il fallimento dei ricollocamenti Ue. Nel 2018, sono stati 6.351 i richiedenti asilo trasferiti in Italia da altri Paesi Ue, mentre dal nostro paese sono stati inviati nel resto dell’Ue 189 soggetti.

Un altro dato di particolare importanza, è inerente gli esiti delle sentenze sulle domande d’asilo esaminate nel 2019: dal report della fondazione Migrantes, si parla di un 80% delle richieste che sono state respinte. In totale infatti, su 72.500 esaminate fino al mese di settembre, solo 14.000 hanno avuto esito positivo: “In particolare – si legge nel rapporto – l’11% ha ottenuto le concessioni dello status di rifugiato, il 7% della protezione sussidiaria e appena l’1,5% della protezione umanitaria”. Protezione umanitaria che si azzererà, visto che è stata abrogata dai decreti Salvini. Ma il Pd vorrebbe rimetterla per tornare a foraggiare le coop.

Gli irregolari presenti in Italia siano 620.000. E 71.000 sono quelli usciti dagli hotel per profughi grazie ai decreti Salvini. Tutti fancazzisti che non manteniamo più. E che ora il PD vuole tornare a mantenere: a spese nostre e a favore delle coop.




Un pensiero su “80% dei migranti si finge profugo per farsi mantenere dagli italiani”

Lascia un commento