Emilia Romagna: fronte leghista 8 punti davanti alla sinistra

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La leghista Lucia Bergonzoni è in testa nell’ultimo sondaggio Swg, diffuso da Quotidiano Nazionale, per le elezioni regionali del prossimo 26 gennaio in Emilia Romagna.

Se i grillini, come deciso dagli iscritti, decideranno di presentarsi in modo autonomo, il fronte leghista arriverebbe al 48,5% contro il 40% del centrosinistra. Con la Lega prima forza politica con il 32%, il Pd al 27% e il M5s all’8,5%.

Se invece il M5S facesse l’ennesima giravolta, e si unisse al Pd in un’alleanza, il fronte leghista salirebbe al 50,5% contro il 45% del centrosinistra. Con la Lega sempre primo partito al 33,5% dei consensi, mentre il Pd si attesterebbe al 29%.

Passando ai candidati Bergonzoni sarebbe al 45% e Stefano Bonaccini al 43%. Sono dati che indicano un voto disgiunto elevato come quelli che lo indicavano per le elezioni in Sardegna. Poi il voto disgiunto non c’è stato. E non ci sarà nemmeno stavolta. Nessuno vota un partito e poi il candidato dell’altro schieramento. Il dato è fallace e sparirà man mano che le elezioni si avvicinano.




Un pensiero su “Emilia Romagna: fronte leghista 8 punti davanti alla sinistra”

  1. Le eversive sardiote spingeranno ancora di più l’elettorato moderato verso la lega. Hanno bisogno assoluta di carne nera da condurre ai seggi dandogli due euro per ottenere voti, ma senza ius soli sono bloccati. Il problema è che finché non verranno rimpatriati rimarrà sempre una spada di damocle, e una volta data la cittadinanza sarà quasi impossibile a meno di un’azione radicale di spessore europeo, toglierla. E loro lo sanno. Quello che non sanno, o meglio, sanno ma vogliono ignorare, è che una volta battute le destre, come amano dire, diventate in pratica il partito degli autoctoni, l’opposizione sarà costituita da ‘loro’, con i loro partiti religiosi e suprematisti neri, non certo dalla sinistra sociale come sperano. Se pensano di farci fare la fine del sudafrica, dove la minoranza bianca sopravvive a stento e si trova costretta a mendicare di non essere annientata si sbagliano e chi agisce per questo fine sarà giudicato molto severamente dalla storia e non solo.

Lascia un commento