Veneto invaso, superata quota 500 mila immigrati: 90% non vuole lavorare

Condividi!

Il 90 per cento dei nuovi ingressi in Veneto non entra per lavorare

VERIFICA LA NOTIZIA
Procede la sostituzione etnica in Veneto. E non è nemmeno perché “vengono a lavorare”, anche se non ne varrebbe la pena lo stesso.

Aumentano le nascite e gli arrivi, e tra i nuovi ingressi il 60% è per i famigerati “ricongiungimenti familiari”. Uno su quattro viene dalla Romania. Record a San Bonifacio e Mansuè (oltre 18%). Sul piano economico producono un decimo del PIL regionale (9,8%).

Dopo il calo registrato tra il 2014 e il 2016, prosegue l’incremento avviato nel 2017. In particolare, tornano a crescere il saldo migratorio dall’estero (+24.121) e da altre regioni (+2.250). ‘Positivo’ ancora il saldo naturale (un quinto dei nuovi nati in Veneto è straniero), mentre calano le acquisizioni di cittadinanza italiana grazie ai decreti Salvini che mettono paletti.

Ma come mai aumentano? Tra i nuovi Permessi rilasciati ai cittadini extracomunitari, solo l’11,2% è per motivi di lavoro. Avete letto bene: in Veneto quasi il 90% degli immigrati arriva per farsi mantenere.

Il 16,4% per motivi “umanitari”. La quota più consistente è invece per ricongiungimenti familiari (61,6%).

Caratteristiche e presenza degli immigrati in Veneto. Gli stranieri in Veneto sono 501.085, pari al 10,2% della popolazione totale. Le principali nazionalità sono presenti in Veneto da oltre 10 anni: oltre un quarto viene dalla Romania (127 mila). Seguono Marocco (46 mila), Cina (36 mila), Albania (34 mila) e Moldavia (32 mila). Verona è la provincia con più stranieri (110 mila), seguita da Padova e Treviso (rispettivamente 97 mila e 93 mila).

A livello comunale, in termini assoluti il Comune con più stranieri è Venezia (38 mila), seguito da Verona e Padova. Osservando l’incidenza sulla popolazione residente, il primato spetta a San Bonifacio (VR) con il 18,9% e Mansuè (TV) con il 18,5%. Tra i Comuni capoluogo spicca Padova (16,4%). Sopra il 16% anche altri quattro Comuni: Lonigo (VI), Nogara (VR), Arzignano (VI) e Conegliano (TV).

Nel 2018 gli occupati stranieri in Veneto sono 238 mila, pari all’11,1% del totale. Quindi meno della proporzione della popolazione residente.

Non è da sottovalutare nemmeno l’apporto degli imprenditori stranieri, che rappresentano il 9,1% del totale imprenditori: dato in crescita negli ultimi dieci anni (+30,0%), in controtendenza con la diminuzione degli italiani (-12,0%). E non è un caso: arrivano loro, usciamo noi. Cinesi docet.

A livello fiscale, nel 2018 sono 419 mila i contribuenti nati all’estero residenti in Veneto. Essi hanno dichiarato mediamente 14.774 euro annui, circa 8 mila euro in meno rispetto alla media degli italiani. Ad essi comunque si possono ricondurre solo 872 milioni di euro di Irpef versata. Una frazione di quanto prendono con i sussidi e servizi sociali.

Chiudere i porti serve a pochissimo se non abroghiamo i fottuti ricongiungimenti familiari. Perché dobbiamo riempirci di parassiti che renderanno l’Italia e il Veneto simili ad una fottuta banlieu parigina?

In crescita del 3 per cento, raggiunta quota 97.085. Il 33 per cento arriva qui per lavorare, il 15% per questioni umanitarie

Posted by il mattino di Padova on Thursday, November 21, 2019

Dossier statistico 2019: i titolari di permesso di soggiorno nel Leccese sono il 2,4. I titolari di permessi di soggiorno per motivi politici o umanitarie sono pari circa allo 0,5 percento.

Posted by LeccePrima.it on Thursday, November 21, 2019

Nella scuola primaria gli allievi con origine straniera sono quasi 28mila, pari al 14,8% del totale degli iscritti. Come…

Posted by Gazzetta d'Alba on Thursday, November 21, 2019




2 pensieri su “Veneto invaso, superata quota 500 mila immigrati: 90% non vuole lavorare”

Lascia un commento