Profughi lasciano schifati monastero: “Si stava meglio a Lesbo, cerchiamo altro” – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
In questi giorni si moltiplicano le lamentele dei media per le condizioni dei campi di accoglienza immigrati nelle isole greche. Dimenticando che i clandestini avrebbero potuto evitare di pagare migliaia di dollari per andarci, visto che, ultimamente, arrivano tutti da Paesi come Pakistan e Bangladesh.

Ma non deve essere poi così disastrosa, la situazione, se quelli trasferiti in Grecia continentale hanno rifiutato l’accoglienza di alcuni monasteri, per la situazione giudicata “non soddisfacente”.

Il metropolita ortodosso di Ilia, nel Peloponneso, aveva annunciato un’iniziativa per ospitare diverse famiglie di migranti in due monasteri della regione, tuttavia, dopo che decine di loro sono arrivati ​​in autobus al Monastero di Poretsos e ispezionato la struttura, hanno rifiutato l’accoglienza, lamentandosi che le condizioni erano “non buone“.

I migranti dovevano trasferirsi nel monastero di Poretsos, recentemente rinnovato, che si trova ai piedi del monte Erymanthos. Il monastero era stato abbandonato per anni fino a quando la metropoli non ha deciso di intraprendere un completo rinnovamento, utilizzando i fondi garantiti attraverso l’ente nazionale del turismo del paese. Anche lì la chiesa fa affari, a quanto pare.

Il gruppo di migranti ha rifiutato la sistemazione, definendo le condizioni non “buone” e aggiungendo che il campo che i media definiscono ‘famigerato’ di “Moria è migliore”, il che implica che hanno preferito le condizioni del campo di Moria, Lesbo.

Una donna è stata anche sentita dire “troppo piccola” quando le erano state mostrate le stanze all’interno del Monastero e si è diretta di nuovo verso l’autobus per essere portata altrove.

I media locali hanno diffuso i video e riferito che i migranti e l’Organizzazione internazionale per i migranti (Oim, Onu) hanno affermato che sarebbero condizioni di vita molto difficili poiché il Monastero è “isolato”.

Secondo l’arcivescovo Vasilis Arvanitis e il vice sindaco di Olimpia, i 105 immigrati, principalmente dall’Africa e Afghanistan, erano stati trasferiti lì dal porto del Pireo e si trovavano precedentemente a Moria, Lesbo. Ora saranno trasferiti in un’altra struttura di loro gradimento nel nord della Grecia e il Monastero riceverà ulteriori aggiornamenti prima dell’arrivo di altri migranti.

E pensare che ci sono ancora dementi che invece di rimandarli a calci in culo verso casa loro li difendono. Inutili idioti.

Fate vedere questo video a chi parla di ‘disperati’. Disperati una cippa.




Un pensiero su “Profughi lasciano schifati monastero: “Si stava meglio a Lesbo, cerchiamo altro” – VIDEO”

  1. Imbecille spirituale chi crede che un figlio del satanislam possa apprezzare l’accoglienza occidentale. L’obiettivo intrinseco del fondatore pedofilo (ricordate che si sposò una bambina di 6 anni….) dell’ideologia è quella di dominare il mondo, sopplrimendo cristiani ed ebrei. Punto. Non c’è dialogo con i frutti di un pensiero che nasce deviato alla fonte

Lascia un commento