“Non puoi salire con la bici”: il rider africano picchia capotreno

Condividi!

Gli ha impedito di salire sul treno con la bicicletta, cercando di far rispettare il regolamento. E il rider africano ha reagito con violenza, aggredendo il capotreno e una guardia giurata. Infine è stato arrestato dai carabinieri.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ avvenuto domenica sera, attorno alle 23.50, alla stazione Porta Genova. Il fattorino di Glovo, un 27enne africano, voleva caricare la sua bicicletta sul convoglio diretto a Mortara, su una linea molto frequentata dai rider-pendolari, che vivono nell’hinterland o in provincia di Pavia e ogni giorno si spostano verso Milano per il turno di consegne. Carne africana low-cost per le multinazionali.

Già in passato si sono verificati problemi legati soprattutto a biglietti non pagati per il trasporto delle biciclette, come avviene su altre tratte che collegano Milano con le province lombarde.

Il capotreno l’altra sera ha deciso quindi di intervenire, impedendo al fattorino di salire sul treno. Il 27enne, a quel punto, si è infuriato ed è scoppiata una violenta discussione. Si è messo a urlare e ha scagliato la sua bicicletta contro il dipendente Trenord, 44 anni, e una guardia giurata della società All System in servizio alla stazione, intervenuta per aiutare il capotreno in difficoltà.

Il problema è a monte: importiamo un esercito di schiavi che poi non può nemmeno permettersi di pagare il biglietto del treno.




Lascia un commento