Invasi da scrocconi: su 800mila sbarcati lavorano solo 4mila

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Sono pochissimi i cosiddetti profughi che lavorano. E anche quelli che lavorano, o fanno lavori ‘socialmente utili’ o lo rubano ai nostri per paghe da fame. Spesso grazie a finanziamenti pubblici: pensate che Stato, quello italiano, aiuta gli stranieri a rubare il lavoro ai propri figli.

Ma poi, l’obiettivo non dovrebbe essere ‘cercare lavoro ai profughi’, molti dei quali tra l’altro veri clandestini, quanto addestrarli per il ritorno a casa: i pochi che veramente fuggono dalla guerra. Che in Italia saranno, si e no, un centinaio.

Vengono in Italia perché c’è la guerra a casa loro, o per rubare il lavoro agli italiani e abbassare le “esigenze” dei lavoratori?

Comunque, il dato di fondo è che su 800 mila sbarcati in questi anni di governo PD, nel 2017 ‘lavoravano’ (o facevano finta) solo 4 mila. Sono risorse.




Un pensiero su “Invasi da scrocconi: su 800mila sbarcati lavorano solo 4mila”

Lascia un commento