Corriere premia reporter che esalta le donne di ISIS: più emancipate delle europee

Condividi!

Il Corriere della Sera ha assegnato il premio Maria Grazia Cutuli a Azadeh Moaveni. Moaveni, reporter con cittadinanza americana di origini iraniane, che ha esaltato l’esperienza delle donne dell’Isis.

VERIFICA LA NOTIZIA

In un’intervista allo stesso Corriere, la giornalista ha spiegato: l’ideologia di Isis sarebbe incompresa in Occidente. Inoltre – aggiunge – “sono rimasta scioccata dalla facilità con cui le femministe occidentali hanno trattato queste seconde generazioni di ragazze musulmane europee reclutate dall’Isis come le ‘cattive’ della storia (anziché come vittime di una tragedia) e dalla velocità con cui le hanno disconosciute: non erano più britanniche o tedesche…”. In realtà, britanniche o tedesche non lo sono mai state.

Secondo la reporter, le donne che sono diventate jihadiste pensavano ad una scelta di emancipazione… L’Isis infatti offriva alle donne la possibilità di ruoli politici importanti.

Meglio terrorista che casalinga, insomma.




Un pensiero su “Corriere premia reporter che esalta le donne di ISIS: più emancipate delle europee”

Lascia un commento