Quirinale, Segre smonta candidatura sinistra

Condividi!

“Ringrazio le persone che hanno proposto la mia candidatura al Quirinale ma, ovviamente, per motivi sia anagrafici che di competenza specifica tale candidatura va considerata improponibile”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Così Segre si smarca del delirio radical chic che dopo avere creato la fake news delle minacce antisemite, ora l’aveva proposta come feticcio al Quirinale.




2 pensieri su “Quirinale, Segre smonta candidatura sinistra”

  1. In un altro post scrivevo sull’essenza fondalmentalmente comunista delle “iene” e mi chiedevo se anche Zaia avendo fatto parte del cast avesse nell’anima qualche riverbero vermiglio. Essendo ricapitata per caso ho riletto quello che avevo scritto di lui ieri e mi sono venuti scrupoli di essere stata ingiusta e qualunquista, così mi sono fatta un giro nel web per vedere se le mie accuse fossero fondate o no.
    Direi che ho colto nel segno. Leggete quello che ha scritto Luca Zaia tempo fa ad un giornalista:

    “Mi sono permesso, con il rispetto e gli onori dovuti a chi la Resistenza l’ha fatta davvero…ad esempio, quando si parla di Resistenza (e il professore dovrebbe sapere che ho titolo a parlarne perché vengo da famiglia resistente e antifascista)”

    Eccola lí la vera iena. Uscita allo scoperto. Pure figlio e nipote di partigiani!
    Mio padre considerando blanda la politica di Mussolini, scappò con le SS. Lo raccontavano, non so se fosse vero, ma almeno non ho dubbi da che parte stava.

    1. Leggere i documenti che riguardano il MOSE è interessante, ricorda abbastanza la storia della diga del Vajont. Quasi tutti sanno che ci sono e ci saranno problemi ma si continua per tutta una serie di interessi, nessuno di questi per il bene della gente.
      Ci sarebbe persino un “colpevole” per entrambe le situazioni, il Conte Volpi: Marghera, il canale dei Petroli e la diga sono tutte idee sue.

Lascia un commento