Immigrati in testa ai teppisti rossi di Bologna: vogliono prendersi l’Italia – VIDEO

Condividi!

Ieri sera grande trionfo sovranista al PalaDozza di Bologna, gremito di patrioti per la candidatura ufficiale di Lucia Borgonzoni. Dentro Salvini e i patrioti, fuori la teppaglia rossa con alla testa carne da macello africana che i centri sociali e l’estremismo di sinistra arruola nei centri di accoglienza.

Salvini, interpellato dai cronisti, ieri ha condannato ciò che stava accadendo fuori dal palazzetto: “Fuori ci sono dei teppisti che cercano di aggredire poliziotti e carabinieri – precisa -. In democrazia non funziona così, poliziotti e carabinieri dovrebbero stare in stazione a controllare gli spacciatori, non in strada a bloccare i viali e a usare gli idranti perché ci sono dei violenti per i quali a Bologna può manifestare solo qualcuno che a loro sta simpatico e la Lega no. Siamo in democrazia, Bologna è aperta a tutti“.

In diretta da Bologna, #PalaDozza: che spettacolo! Con Lucia Borgonzoni, con i governatori della Lega, con migliaia di emiliani e di romagnoli.Presenta l’amico Mario Giordano.State con noi!#borgonzonipresidente#26gennaiovotoLega

Posted by Matteo Salvini on Thursday, November 14, 2019

“Se anche qui come in Umbria sceglieranno il futuro, il cambiamento, la Lega e il centrodestra qualcuno a Roma ne dovrà prendere atto”.

“Fuori ci sono dei teppisti che cercano di aggredire poliziotti e carabinieri – ha tuonato Salvini -. In democrazia non funziona così, poliziotti e carabinieri dovrebbero stare in stazione a controllare gli spacciatori, non in strada a bloccare i viali e a usare gli idranti perché ci sono dei violenti per i quali a Bologna può manifestare solo qualcuno che a loro sta simpatico e la Lega no. Siamo in democrazia, Bologna è aperta a tutti”.

L’iniziativa più violenta è stata senza dubbio quella dei centri sociali. Tra i cori urlati dai manifestanti, “Odio la Lega” e “Siamo tutti antifascisti”, fino al grido collettivo “Andiamo al Paladozza a far sentire che c’è un mondo diverso”. Prima di arrivare, però, sono stati stoppati dalla polizia. Che ha “salvato” così la festa della Lega.

In diretta da Bologna, #PalaDozza: che spettacolo! Con Lucia Borgonzoni, con i governatori della Lega, con migliaia di emiliani e di romagnoli.Presenta l’amico Mario Giordano.State con noi!#borgonzonipresidente#26gennaiovotoLega

Posted by Matteo Salvini on Thursday, November 14, 2019

Ci siamo quasi, il #PalaDozza è pronto! E voi? 😊#BorgonzoniPresidente

Posted by Matteo Salvini on Thursday, November 14, 2019

Bologna, teppisti rossi reclutano i profughi per protestare

I servizi ci hanno avvertito l’anno scorso. Individuando la principale minaccia interna nella saldatura tra estrema sinistra e immigrati, da utilizzare come teppisti: un po’ come in epoca romana i patrizi utilizzavano gli schiavi contro i plebei

E’ ricca di spunti la relazione annuale dei servizi segreti al Parlamento, preparata dal Dis.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma, essenzialmente, i punti principali sono l’allarme terrorismo islamico, con il pericolo clandestini-terroristi:

Servizi lanciano allarme terroristi sui barconi: “138 immigrati islamici ‘italiani’ con Isis”

L’avanzata delle mafie straniere, in particolare quella nigeriana, ‘grazie’ ai traghettamenti dalla Libia.

E la saldatura tra estremisti di sinistra e immigrazione, con il tentativo di assoldare carne da cannone tra gli immigrati.

In difficoltà per il mancato ricambio generazionale, gli italiani non se li filano più, l’estrema sinistra punta sull’arruolamento della popolazione straniera: “L’eterogenea galassia dell’antagonismo si è distinta soprattutto per il tentativo di superare una persistente tendenza alla “parcellizzazione delle lotte”, così da dare maggiore compattezza al fronte della contestazione. In tale quadro, ha assunto specifico rilievo strategico, nelle progettualità antagoniste, il coinvolgimento nelle mobilitazioni della popolazione straniera, ritenuta, in particolare dai segmenti più oltranzisti, un bacino di reclutamento “capace di produrre conflitto”.

Capito?

Si sta preparando una guerra etnica. La ex sinistra, cooptata dai ‘capitalisti’ nelle sale da tè, ha deciso di arruolare la nuova carne da ‘lotta di classe’: che sarà molto più brutale, perché prima, il poliziotto e l’operaio si riconoscevano nei loro volti, erano figli della gente. Una lotta di classe che vede, tra l’altro, come perdente l’ex operaio italiano, abbandonato in favore di Mohamed, perché Mohamed si lascia manipolare, Mario Rossi no.




Lascia un commento