Arrestati 19 Rom: spacciavano col reddito di cittadinanza

Condividi!

Spacciavano droga con il reddito di cittadinanza. Sono stati arrestati 19 zingari rom, 3 minorenni.

VERIFICA LA NOTIZIA

Dei 19 spacciatori coinvolti nell’operazione, ben 8 percepivano il reddito di cittadinanza. L’attività di spaccio di droga aveva luogo nel quartiere “Ciampa di cavallo” di Lamezia Terme. I reati contestati sono traffico e spaccio di sostanze stupefacenti.

Ma i dementi siamo noi che diamo a questa gente il reddito di cittadinanza. E se non fosse stato per Salvini lo avrebbero dato anche a tutti gli immigrati.

Purtroppo non è la prima volta che presunti destinatari del Reddito di cittadinanza si rivelano delinquenti, come nel recente caso di una donna a Roma, che spacciava cocaina. I controlli su chi ha realmente diritto al sussidio evidentemente sono stati solo annunciati e mai fatti.

“Nei centri provinciali per l’impiego, ai quali si rivolgono i percettori del reddito di cittadinanza, sta succedendo qualcosa di grave. Si riversano bande di delinquenti e di tossicodipendenti che hanno minacciato gli impiegati. Abbiamo trovato anche siringhe nei bagni“. E’ la denuncia del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo consueto appuntamento settimanale su Lira Tv.

Denuncia confermata dall’inchiesta del Mattino di Napoli che ha verificato la presenza di spacciatori e trafficanti tra i beneficiari del reddito grillino.

Ed è solo grazie alla Lega se, per ora, non viene dato a centinaia di migliaia di immigrati. Ma ci stanno lavorando:

Con PD-M5s torna la pacchia per immigrati: reddito cittadinanza per tutti

Non solo: «Dopo 7 mesi aggiunge Fermi – su 982mila percettori del benefit statale, solo poco più di 49mila hanno infatti attivato un patto per il lavoro», ossia l’impegno ad accettare proposta di lavoro congrua.

Il meccanismo non funziona, i buchi non si contano. Il portale dell’Anpal, per esempio, è ancora incompleto e non può incrociare domande e offerte. «Da tutta Italia – dicono dalla Regione – sono stati pubblicati solo 108mila curricula, un settimo dei beneficiari. Si attende ancora la pubblicazione da parte dell’Inps del modulo che consente al datore di lavoro di accedere all’incentivo fiscale (fino a 780 euro al mese come sgravio di contributi). Infine in Lombardia, e non solo, i navigator sono stati selezionati e assunti, hanno già ottenuto lo stipendio di 1.700 euro con 300 euro di indennità aggiuntive, ma non hanno ancora potuto prendere servizio. Dovevano cominciare a giugno, ma, come nel caso dei 18 assegnati a Como, nemmeno hanno potuto completare ancora la formazione. L’ineffabile Catalfo, intanto, annuncia 11.600 assunzioni stabili nei Centri per l’impiego. «Porteremo gli operatori da 8mila a più di 20mila», dice. Le vie dell’assistenzialismo sono infinite.




Un pensiero su “Arrestati 19 Rom: spacciavano col reddito di cittadinanza”

Lascia un commento