La toga rossa ammette: “Ho concesso asilo senza prove”

Condividi!

“Non avevo le prove ma ho concesso ugualmente il permesso”: così Luciana Breggia, il magistrato che si vanta in giro nei teatri del suo tribunale che ha concesso asilo ad un pakistano stupratore di bambine che si era detto ‘gay’.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Era inserito in un contesto, parlava italiano, era vulnerabile. Mi sono misurata con l’impossibilità di ricostruire la sua storia e gli ho dato il permesso umanitario”: così, senza vergogna, il magistrato Luciana Breggia, all’interno dello spettacolo “Invece accade – dal diario di un giudice dell’asilo” di cui abbiamo parlato ieri:

Magistrato tribunale pro immigrati che grazia stupratore di bambine e va in teatro a vantarsene

Qui siamo all’eversione. Bonafede dorme beato. Il prossimo ministro no.

Il problema è che la signora è presidente della sezione l’immigrazione e protezione internazionale del tribunale di Firenze. Nel 2017 ha concesso l’85% delle domande di asilo che erano state respinte dalla commissione territoriale: una cosa abnorme che accade solo nei tribunali dove i ricorsi vengono, casualmente, presentati da ASGI, associazione finanziata da Soros che, sempre casualmente, era presente con la signora e Patronaggio a questo convegno con le Ong:

Patronaggio getta la maschera a convegno con le Ong: “Porti aperti” – VIDEO

Una sorta di riunione tra i trafficanti umanitari e magistrati di estrema sinistra per ‘fare il punto’.

“Invece accade” è andato in scena a Lampedusa nei giorni scorsi, in occasione del convegno “La frontiera del diritto e il diritto della frontiera – Dieci anni dopo di nuovo insieme a Lampedusa”, promosso da Area Democratica, una corrente vicina a posizioni di sinistra all’interno della magistratura, nonché da Asgi (Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione) finanziata da Soros. C’era anche Patronaggio.

Recita la signora: “Un ragazzo del Burkina Faso mi spiegò di essere fuggito dal suo villaggio per avere rifiutato di diventare re come gli spettava per successione – ha raccontato il magistrato – Ho obiettato: da noi sarebbe bello diventare re. E lui: da noi invece no, sei un fantoccio nelle mani degli anziani del villaggio. Ti usano, ti chiedono di uccidere, io sono cristiano e non volevo uccidere nessuno”.

“Era inserito in un contesto, parlava italiano, era vulnerabile. Mi sono misurata con l’impossibilità di ricostruire la sua storia e gli ho dato il permesso umanitario”.

Lei “gli ha dato” il permesso umanitario. E poi loro stuprano:

Magistrato tribunale pro immigrati che grazia stupratore di bambine e va in teatro a vantarsene

Non hai un cuore. Altrimenti staresti in ginocchio a chiedere scusa a quella povera bambina.

Questa è eversione.




Lascia un commento