Immigrati multati attaccano agenti: “Razzisti, vi ammazziamo: a casa mia eri già morta”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Con l’auto in sosta in un parcheggio irregolare, segnalato esplicitamente dalla segnaletica stradale, i due immigrati hanno giocato la carta del ‘razzismo’ una volta multati dai vigili. E hanno reagito con violenza all’identificazione di una coppia di vigili urbani: “Non conti un c***o, razzista, ti faccio fuori prima o poi”.

“Sei un pezzo di m***a, tu fai la multa a me perché sono straniero. Questa è una multa ingiusta e adesso chiamo i carabinieri, adesso ti faccio vedere io, chiamo anche l’avvocato. Sei una t***a, se eri in Romania a quest’ora eri già morta. Anzi sai che ti dico, che la prossima volta che ti vedo ti metto sotto con la macchina e ti ammazzo. Prima però ti spacco la faccia”. Questo l’uomo della specie.

Mentre la femmina della specie urlava: “Io non ti do un c***o. Semmai ti posso dare la f**a, brutta t***a tu non conti un c***o e io sono cittadina europea, vado dove voglio e faccio quello che c***o mi pare. Sei una razzista, ti faccio fuori prima o poi e, se non lo faccio io, prima o poi trovo qualcuno che lo fa, s*****o pezzo di m***a, vergognati!”.

In attesa del giudizio nei loro confronti, pertanto, i due immigrati rimangono liberi e risultano solo indagati per minacce, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.




4 pensieri su “Immigrati multati attaccano agenti: “Razzisti, vi ammazziamo: a casa mia eri già morta””

  1. Siamo stati fuorviati gia’ da piccoli, anche i miei colleghi di lavoro rumeni odiano gli “zingari”, nonostante a volte siano dello stesso Stato, o addirittura della stessa regione, e’ un po’ come “qualcuno” del nord che odia “qualcuno” del sud, i rumeni che lavorano con me sono persone di tutto rispetto, lavorano come muli per mandare avanti la famiglia, i figli a scuola, alcuni hanno anche comprato la casa dove abitano e fanno sacrifici come noi italiani, niente a che vedere con gli “zingari” che, a dire loro, sono un “altra razza”, certo, le mele marce ci sono ovunque, a prescindere dall’ etnia…

  2. Quando una istituzione viene derisa . insultata..minacciata .oltraggiata..da un qualsiasi cittadino…e tanto più da uno straniero…e resta impunito..severamente..quello stato a cui le istituzioni appartengono è uno stato finito..morto..non esiste più. e presto sarà uno stato invaso da chiunque….quindi cari italiani preparatevi.

Lascia un commento