Magistrato tribunale pro immigrati che grazia stupratore di bambine va in teatro a vantarsene

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Luciana Breggia, Presidente della sezione immigrazione del tribunale di Firenze, che al tempo di Salvini ha rigettato il ricorso del Viminale contro l’iscrizione all’anagrafe di un richiedente asilo e accetto il ricorso di uno stupratore di bambine ‘gay’ facendolo rimanere in Italia, va in tour.

“Io ho sempre applicato le norme, naturalmente interpretandole con rigore e imparzialità – assicura a Repubblica -. Ma il giudice – e qui subentra il problema – ha una testa e un cuore, non è disincarnato. Avere un pensiero ed esprimerlo lo rende anzi più trasparente. Il giudice parziale, quello che sfoga nei suoi provvedimenti un sentire di parte, è un giudice muto”.

E lei ha un cuore grande:

Pakistano che ha stuprato 2 bimbe vinse ricorso e ottenne asilo perché ‘gay’: grazie a giudice anti-Salvini

Questo squallido personaggio ha permesso ad uno stupratore di bambine di rimanere in Italia, nonostante il Viminale avesse rifiutato l’Asilo, e lui ha violentato due bambine: e invece di cospargersi il capo di cenere, va in tour a spiegare quanto è giusto farlo.

La Breggia ha infatti iniziato un tour teatrale davanti a niente di meno che la platea di magistrati, avvocati ed esperti di immigrazione riuniti a Lampedusa da Area democratica per la giustizia e Asgi, finanziata da Soros che, casualmente, si occupa anche di presentare i ricorsi dei finti profughi proprio nei tribunali ideologicamente amici.

Serve la ruspa.




5 pensieri su “Magistrato tribunale pro immigrati che grazia stupratore di bambine va in teatro a vantarsene”

Lascia un commento