Immigrati ci rubano il lavoro: ecco la prova

Condividi!

Il Corriere della Sera ci informa che:

Gli stranieri ci rubano il lavoro? É una bufala: ecco perché

É vero che gli stranieri ci rubano il lavoro? Falso. Anzi questa è una delle principali fake news che ruotano attorno all’immigrazione. In questa infografica realizzata da Fondazione Moressa vengono spiegati i motivi. Ad esempio, italiani e stranieri non fanno gli stessi lavori. Gli stranieri si concentrano in professioni non qualificate, come domestico e badante. Oppure, gli italiani hanno livelli di istruzione più alti e cercano mansioni adeguate. Gli occupati stranieri in Italia sono il 10,6% del totale. Gli immigrati si concentrano prevalentemente nei lavori manuali, mentre gli italiani svolgono soprattutto lavori impiegatizi o qualificati. Questa divisione si verifica anche negli stessi settori: la forza lavoro immigrata è, quindi, prevalentemente complementare a quella autoctona.

Inutile dire che, in realtà, quanto scritto significa proprio il contrario: ci rubano il lavoro. Il fatto che non ci siano più italiani nei settori occupati dagli immigrati dimostra che sono stati esclusi da chi accetta di fare quei lavori per paghe e condizioni inferiori.

Quanto scritto in alto sarebbe vero se non esistessero italiani disoccupati. Peccato che, invece, ne esistano 5 milioni.

Per fare un esempio: è come dire che, siccome su un treno tutti gli italiani siedono in prima classe e gli immigrati in seconda, il fatto che ci siano italiani in piedi non significa che gli immigrati ci rubino i posti a sedere.

Ci sono anche innumerevoli studi a confermarlo. Ma basta un po’ di analisi.

E poi, sinceramente, cosa volete che dicano la Fondazione Moressa e Money Gram che fa soldi con le rimesse degli immigrati che rubano il lavoro agli italiani?




Lascia un commento