Ergastolano in permesso premio: da anni strane cose nel carcere di Bollate

Condividi!

Il ministro della Giustizia Alfonso Bo-
nafede ha dato mandato all’Ispettorato
di compiere accertamenti preliminari
sulla vicenda dell’ergastolano Antonio
Cianci che, durante un permesso premio,
ha accoltellato un anziano a Milano.

La relazione del carcere di Bollate,fa-
vorevole alla concessione del permesso
premio disposto dal Tribunale di Mila-
no,dava atto del cambiamento di Cianci,
del suo percorso positivo,della sua ma-
turità e affidabilità. Il permesso “di
12 ore” era stato concesso per buona
condotta e assenza di pericolosità.

Era il 2017 quando Vox denunciò una strana situazione nel carcere di Bollate:

Bollate, il carcere groviera colpisce ancora: evaso ottavo detenuto in permesso premio

E continuano le polemiche dopo l’orrendo fatto di cronaca verificatosi nel parcheggio sotterraneo dell’ospedale San Raffaele, che ha visto un anziano essere ferito alla gola con un taglierino da Antonio Cianci, il pregiudicato che il 9 ottobre del 1979 aveva ucciso tre carabinieri a Melzo.

L’uomo stava scontando l’ergastolo nel carcere di Bollate, a Milano, ma aveva recentemente chiesto e ottenuto un permesso premio grazie al quale era libero. Stando a quanto appreso dalle indiscrezioni, il killer avrebbe ferito il 79enne nel corso di una rapina. Sulla vicenda è intervenuto Matteo Salvini che ha replicato duramente. Riferendosi alla paventata intenzione del Partito democratico di schedare gli agenti, il leader della Lega ha tuonato: “Altro che schedare le forze dell’ordine come vuole il Pd. In Italia servono regole, rispetto e certezza delle pena. E nessun premio ai killer spietati, soprattutto se hanno ucciso donne o uomini in divisa”. L’ex ministro dell’Interno ha poi aggiunto: “Aveva ucciso quattro persone – un metronotte e tre carabinieri – ed è stato condannato all’ergastolo, ma grazie a un permesso premio era fuori dal carcere e ha accoltellato un uomo per rapinarlo”.

“Monitorare seriamente la recidiva”
Dura la presa di posizione anche da parte di Emanuela Piantadosi: “Quanto altro spargimento di sangue si dovrà avere prima che il ministro della Giustizia e il governo prendano coscienza di quanto sia fondamentale monitorare seriamente la recidiva in questo Paese?”. Il presidente dell’associazione ‘Vittime del Dovere’ ha commentato la notizia: “Dalla precedente legislatura abbiamo chiesto al Ministero che venisse misurata con dati certi ed inequivocabili la recidiva che rappresenta quel metro di misura essenziale per stabilire se un condannato abbia preso coscienza dei reati commessi, abbia scontato consapevolmente la sua pena e sia stato effettivamente rieducato, secondo quanto stabilito dalla costituzione articolo 27”.

La figlia del maresciallo Stefano Piantadosi, ucciso da un ergastolano in permesso premio, ha aggiunto che – a seguito di “un primo colloquio nel 2018, solo caratterizzato da buoni propositi” – al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede è stata chiesta una serie di incontri, “mai più accordati”, che avrebbero avuto l’obiettivo di “avviare uno studio serio sulla recidiva”. Infatti vi è l’estrema urgenza della “certezza della pena”, di istituire “un tavolo per le vittime di reato”, di dare il via a “un dibattito sul processo penale” per conferire “un peso e un ruolo effettivo alla vittima”. Il tutto perché in Italia “le ragioni delle vittime e la sicurezza della collettività contano meno dei diritti dei delinquenti”. Dunque ora si attendono “una presa di coscienza della politica e una risposta immediata”.

E’ evidente che chi fa le relazioni lì dentro le fa male. O forse le fa ‘troppo bene’.




Un pensiero su “Ergastolano in permesso premio: da anni strane cose nel carcere di Bollate”

  1. C’era stato un caso di una direttrice di carcere donna che si era invaghita di un carcerato, ha avuto un figlio da lui, ma questo l’ha ingannata e l’ha usata per evadere durante un permesso premio, accordato dalla innamorata e misericordiosa direttrice, che guardacaso, era anche comunista. Dicono che sia stata licenziata ma io credo che sia un’infiltrata e che lavori sempre per lo stato ma semplicemente con mansioni diverse. Più… subdole e politiche.

Lascia un commento