Massacrato di botte da 3 immigrati davanti casa sua – FOTO

Condividi!

Una serata da incubo, quella vissuta da D. Comelli, aggredito sotto casa da alcuni malviventi. Una mano insanguinata, la testa fasciata e il collare ortopedico, è così che lo hanno ridotto i 3 immigrati che ieri sera, venerdì 8 novembre, lo hanno accerchiato mentre stava rientrando nella sua abitazione in Salita per Muggia Vecchia. Armati di spray al peperoncino e piede di porco, si sarebbero accaniti contro il 43enne, atterrandolo con un colpo alla testa inferto con l’arma contundente, forse con l’intento di entrare nell’abitazione per rubare. L’uomo ha provato a difendersi, iniziando ad urlare e chiedere aiuto, facendoli così fuggire. A denunciare l’accaduto lo stesso Comelli, che ha pubblicato una sua foto dopo l’aggressione e commentato l’accaduto. La vittima è stata ricoverata in ospedale al nosocomio locale, al momento non ci sono ulteriori informazioni ma sull’episodio sta già indagando la Questura di Trieste.




Lascia un commento