Vescovo anti-Salvini: “Identità italiana non esiste, meticciatevi”

Condividi!

Il vescovo di Ferrara, che oggi vuole farsi ristrutturare i propri appartamenti per poi affittarli ai finti profughi:

La proposta indecente del Vescovo: “Italiani ristrutturino le nostre case per darle ai migranti”

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ noto per la sua ossessione del meticciato:

“Dovete meticciarvi coi migranti”, vescovo contestato dai fedeli

“Oggi – affermava Perego – la Chiesa prepara e sostiene un progetto politico sull’immigrazione fondato su quattro parole, ricordate più volte da Papa Francesco – accogliere, tutelare, promuovere e integrare – chiedendo un sistema asilo degno di un Paese democratico, la chiusura dei grandi centri che sono stati luogo di spreco e trattamento disumano, il rafforzamento di un sistema Sprar, legato a poche persone e a un percorso di accompagnamento, tutela, inserimento o rientro, con un particolare sguardo ai minori non accompagnati”. E si sa, che loro hanno un particolare riguardo per i minori, meglio se non accompagnati.

Se hai un ‘progetto politico’, ti presenti alle elezioni, non ti nascondi dietro ad una tonaca, fingendo di credere in qualcosa in cui non credi più. E paghi l’Imu.

Ma il delirio, che dimostra come lui e parte della Chiesa ormai siano altra cosa dai cristiani che dicono di essere, arriva nel finale.

“Ci sono poche cose da dire, perché chiunque vede che è una realtà non solo storica, ma della società di oggi – dice parlando del meticciato -. Le persone di 200 nazionalità che oggi si incontrano in Italia stanno diventando cittadini italiani (oltre 224.000 lo scorso anno), crescono i matrimoni misti (hanno ormai superato i 500.000), i figli di genitori di due nazionalità diverse o da genitori stranieri sono già il 15% in Italia e in Emilia si arriva al 25%, le classi nelle nostre scuole sono formati dal 15% di studenti stranieri che arrivano talora ad essere il 30%, persino la Spal non è più fatta solo da giocatori italiani, tantomeno ferraresi”.

In pratica, dopo avere predicato l’invasione, presenta il passo successivo: la resa totale. E lo fa dando numeri sballati: i matrimoni misti sono in calo da anni, gli unici in crescita sono quelli tra immigrati. Quello che sta avvenendo in Italia e nel resto dell’Occidente, non è il ‘meticciato’, ma il conflitto etnico e la segregazione naturale. Scenda dalle sue lussuose stanze, l’arcivescovo, e giri nei nuovi ghetti.

“Il mondo sta cambiando la nostra città – concludeva Perego – a noi governare il cambiamento, perché il meglio dell’incontro sia al servizio del bene comune, che è la misura dell’accoglienza (è la virtù tomista della prudenza ricordata da Papa Francesco). Diversamente sarà un “suicidio” – ha usato questa parola Papa Francesco recentemente -, la morte delle nostre città, abbandonate allo scontro e a difendere una ‘razza’ che non c’è”.

Lui dice ‘razza’, lo fa per questioni di propaganda, ma intende popolo.

Vedete. L’obiettivo è convincere che non ci sia nulla da difendere, così la resa diventa naturale. Usa il termine ‘razza’, perché facile da distorcere. Ma quello che disce Perego, è che “non esiste il popolo italiano” e che quindi non dobbiamo difenderci dal genocidio attraverso l’immigrazione.

Secondo questo fanatico dei minori non accompagnati, dovremmo gettare millenni di storia e di civiltà nel cesso. Perché questi millenni non esistono.

L’Italia, caro Perego, esisteva prima della Chiesa. Dove ora sorge il Vaticano, c’era il circo di Nerone. Le chiese cristiane sono sorte in continuità con la storia italiana, non poggiano sul nulla. Il Cristianesimo, nei secoli, è stata una forma di difesa dall’invasione islamica e da quello che oggi voi chiamate ‘meticciamento’. Il sangue è l’unica cosa che conta.




8 pensieri su “Vescovo anti-Salvini: “Identità italiana non esiste, meticciatevi””

  1. La Chiesa ha sempre fatto politica, e proprio perché ha sempre fatto politica e strumentalizzato il Cristianesimo a suo piacimento, l’Italia ha raggiunto il processo di unificazione nazionale solo nel 1861, e cioè ben quattro secoli dopo la Francia, la Gran Bretagna o la Spagna. Era la Chiesa infatti a invocare le potenze straniere come l’Austria, la Francia e la Spagna, a seconda delle situazioni, a intervenire militarmente nella nostra penisola. L’unica cosa buona che ha fatto come istituzione politica, è stata l’aver chiamato i Normanni nell’XI secolo per liberare il Sud dai Bizantini e la Sicilia dagli Arabi, e grazie ai quali erano stati creati i Regni di Napoli e di Sicilia, indipendenti. Ma la Chiesa fino al CVII, con tutti i difetti che aveva (papi genera-bastardi come Alessandro VI, vescovi e cardinali pederasti, ecc.), difendeva il Cristianesimo in Europa e non interpretava il Vangelo in senso progressista come oggi.

    Il problema è che questa Chiesa uscita dal CVII ha aderito all’universalismo laico illuminista, secondo cui non esistono le identità e le differenze.

  2. Appunto! Proprio perché sono degli assassini opportunisti che raramente hanno fatto il bene dell’Italia e guarda caso soltanto quando coincideva con la loro convenienza, che aborro l’uso smodato che Salvini fa dei simboli ecclesiastici. La politica deve prendere le distanze da qualsiasi dottrina e fare ESCLUSIVAMENTE gli interessi del popolo italiano.

  3. Certo, usare il condizionale sarebbe stato più corretto visto come vanno le cose, poi vorrei aggiungere che esibendo il crocifisso ed il rosario ha dato modo alla controparte di formulare accuse, ritorsioni, polemiche che si potevano benissimo evitare. La linea avrebbe dovuto essere, invece, più ferma e decisa, l’arrendersi facendo spallucce dicendo una frase che fa rabbrividire: “all’opposizione faticheró meno!”
    Certo caro matteo (incominciamo a levargli un po’ del rispetto immeritato che gli ho riservato fin’ora! Si dicevo, tu i soldini li prendi lo stesso ma con la tua viltà hai gettato alle ortiche la nostra vita miseranda consegnandoci alla dittatura nemica.

    1. Salvini ha fatto una cinquantina di comizi, te ne rendi conto ? Invece di fare il ministro degli interni a tempo pieno e fare veramente delle scelte coraggiose, non i corridoi umanitari, girava per l’Italia a sparare le solite cazzate. Dall’altra parte l’M5S era continuamente messo in ombra dal suo protagonismo ed alla fine gli era veramente diventato ostile. Non che voglia difendere i 5 stelle, ma se avesse fatto SOLO il suo lavoro e bene , avrebbe guadagnato un sacco di punti senza far saltare il governo. “Io come papà, mia figlia, il rosario….” ma che vada a quel paese !

Lascia un commento