Bologna, italiani epurati da case popolari: tutte a immigrati – VIDEO

Condividi!

In un video pubblicato su Facebook dal parlamentare di Fratelli d’Italia Galeazzo Bignami sono stati mostrati nomi e cognomi degli inquilini che vivono nelle case popolari di Bologna: sono tutti stranieri!

Stando a ciò che emerge, circa il 59% delle case popolari sono ormai assegnate a cittadini stranieri.

Il “blitz” è avvenuto circa una settimana fa e ha visto protagonista il parlamentare Galeazzo Bignami e Marco
Lisei, consigliere comunale di Bologna di Fratelli d’Italia.

I due, come si può vedere nel video pubblicato sul profilo Facebook di Bignami, si sono recati nel quartiere Bolognina per mostrare, “raccogliendo segnalazioni dei cittadini”, che i criteri di assegnazione degli alloggi favoriscono i cittadini stranieri.

Dopo la diffusione del video, il capogruppo del Partito Democratico nel consiglio comunale di Bologna ha dichiarato: “Filmare i nomi degli stranieri che hanno legittimamente ricevuto dal Comune una casa rischia di diventare un incitamento all’odio razziale verso queste famiglie”.

Ah però, ora anche rivelare che si stanno prendendo tutte le nostre case popolari è “incitamento all’odio razziale”. Invece, dargliele, che cos’è?

🔴 CASE POPOLARI: ECCO LA VERA DISCRIMINAZIONE A DANNO DEGLI ITALIANI FATTA DALLE SINISTRE. Guardate cosa ci hanno segnalato gli abitanti della Bolognina. E per noi hanno proprio ragione. Secondo voi? Case solo agli stranieri.Con Marco Lisei

Posted by Galeazzo Bignami on Friday, November 1, 2019




Un pensiero su “Bologna, italiani epurati da case popolari: tutte a immigrati – VIDEO”

  1. Vedete le impasse paradossali nei nostri confronti continuano, non sono loro in comune i disonesti, passibili di svariati reati penali, ma chi va a filmare i palazzi recentemente ristrutturati all’uopo, pure il video citofono, le trattano bene le scimmie! Ecco queste persone filmando hanno infranto la LORO legge. Documentare i reati è reato (punibile)
    Non vi ricorda tanto tanto la mafia? A me si!

Lascia un commento