“Saluto romano non è reato”: assolti dopo 4 anni

Condividi!

Giudice: “Saluto romano non è reato”
“Il fatto non costituisce reato”. E’la
formula con cui il giudice monocratico
del Tribunale di Imperia ha assolto
dall’accusa di apologia del fascismo
l’ex assessore di Diano Castello (Im)
ed esponente di Forza Nuova Manuela
Leotta ed Eugenio Ortiz.

I due il 26 aprile del 2015 avevano
fatto il saluto romano e gridato “pre-
sente” durante una celebrazione, presso
il cimitero di Sanremo in memoria dei
caduti della Repubblica sociale italia-
na. Il pm aveva chiesto una condanna a
3 mesi e 300 euro di multa.

Il solo fatto che qualcuno debba stare quattro anni e mezzo a processo perché ha fatto un saluto che duemila anni fa faceva Giulio Cesare, è ridicolo. E anche se in questo caso era volutamente un’espressione ‘fascista’, ognuno ha il diritto di pensare, dire ed esprimersi come meglio crede.

L’apologia di fascismo è incostituzionale. Perché le norme, tra l’altro temporanee presenti in Costituzione, sono in contrasto contro gli stessi diritti scritti nella Costituzione.




3 pensieri su ““Saluto romano non è reato”: assolti dopo 4 anni”

Lascia un commento