Governo aumenta pensioni di 3 euro l’anno: per i migranti +10 euro al giorno

Condividi!

Il governo del ribaltone aumenta le pensioni agli italiani: 3 euro (totali) l’anno. Una forma di elemosina di Stato che prende in giro i nostri anziani.

Un richiedente asilo ci costa 30 euro al giorno (smartphone e sim esclusi).

Intanto, già smantellano i tagli di Salvini per foraggiare le COOP di partito. E riportano in alto di 10 euro i soldi destinati ogni giorno ad ogni singolo fancazzista sbarcato per farsi mantenere.

VERIFICA LA NOTIZIA
Strano che nessun magistrato indaghi. Ma essendo in Emilia, con quello che è successo impunemente a Bibbiano, non sorprende.

Il Pd è tornato al governo e, magicamente, il taglio di Salvini sparisce e da 20 euro si arriva a 30 euro, giusto perché tornare proprio a 35 euro sarebbe stato un po’ troppo pacchiano.

E’ stato infatti prororgato fino al 29 febbraio il servizio di accoglienza ed assistenza dei cittadini stranieri extracomunitari richiedenti la protezione internazionale nella provincia di Reggio attualmente svolto dalla Coop L’Ovile e dalla Dimora d’Abramo. Questo per il tempo strettamente necessario all’espletamento delle nuovo procedure di gara in corso di svolgimento.

Giovedi’ scorso, infatti, era scaduta la proroga straordinaria del servizio, valida dall’1 luglio al 31 ottobre, affidata con procedura negoziata a fine giugno dal prefetto Maria Forte alle due coop sociali.

Le due coop, a capo di altrettante associazioni di impresa, avevano deciso di non partecipare al bando dello scorso aprile, giudicando insostenibili i nuovi criteri economici imposti dal “decreto Sicurezza”. E il nuovo governo le ha accontentate.

Il prefetto, infatti, ha riconfermato temporaneamente le due cooperative, appunto fino alla fine di febbraio 2020 attraverso una procedura che ha definito anche le risorse disponibili. In dettaglio per l’Ovile, il prezzo stabilito per l’assistenza giornaliera di ogni straniero e’ di 28,88 euro, mentre per la dimora di Abramo di 29,58.

In entrambi i casi con un ribasso di circa il 15% rispetto ai contributi precedenti, che erano rispettivamente di 34 e 34,80 euro. Ma è in rialzo del 50 per cento rispetto a quanto stabilito dai decreti Salvini.




Lascia un commento