Emilia, PD salva il metodo Bibbiano: “Affidi a coppie omosessuali”

Condividi!

L’avevamo sempre detto: l’obiettivo della ex sinistra è legalizzare il metodo Bibbiano.

Giuliano Limonta, coordinatore della commissione tecnica sui minori, ha definito il ‘rapimento’ sistematico dei bambini a semplice “raffreddore”. E Galeazzo Bignami, deputato bolognese di Fratelli d’Italia, che l’ha definita una “banalizzazione intollerabile e allucinante, ha rivelato in un’intervista il piano criminale del PD emiliano.

VERIFICA LA NOTIZIA

Uno degli aspetti che avrebbe provocato la stortura del meccanismo degli affidi potrebbe essere l’assenza di verifiche da parte di autorità pubbliche indipendenti: “Infatti l’autocontrollo era l’aspetto più patologico di tutto il sistema”.

Così come spiegò Federica Anghinolfi, una delle indagate: “Ammise che i servizi sociali avevano bypassato un livello di controllo”. Inoltre in Val d’Enza era stato “sperimentato un sistema specialistico in connessione con il territorio, senza sottoporsi alle previste verifiche da parte della provincia”. E questo significa che “non si possono minimizzare le responsabilità della Regione e del Pd che la guida”.

Nella relazione della commissione tecnica si sottolinea che la carenza di personale e fondi nelle strutture pubbliche rischia di spostare il “baricentro delle decisioni clinico-assistenziali in contesti professionali non pubblici”. Ma questo passaggio “sembra un tentativo di lavarsi la coscienza”. Oggi le Asc, le Asp, le Asl, l’unione dei Comuni, i Comuni stessi possono occuparsi di affido dei minori: “A chi compete unificare il tutto? Alla Regione. Che invece dà la colpa agli altri”.

Alcuni elementi della commissione Bonaccini stupiscono Bignami: “Non si cita mai l’Anghinolfi, non si citano mai i finanziamenti elargiti. Le commissioni muovono delle critiche lievi, cercando però di salvare il sistema. E poi si continua a mettere a repentaglio la famiglia tradizionale”. Sotto la lente di ingrandimento sono finiti i progetti approvati e finanziati dalla Regione: “Tutti volti a un unico obiettivo: vincere le ultime resistenze in tema di affidi alle coppie omosessuali”.

Il deputato ha parlato anche del Movimento 5 Stelle: “Hanno dato un contributo ad Hansel e Gretel di Foti”. Nello specifico Rossella Ognibene, candidata sindaco dei grillini a Reggio Emilia e quindi eletta consigliera comunale a maggio 2019, “si è dimessa per assumere la difesa dell’Anghinolfi”. E poi Andrea Coffari, candidato alle politiche per il M5S, “ha assunto la difesa di Claudio Foti”.

“Nessuno vuole strumentalizzare questa tragedia. Ma di certo Bibbiano è un’ombra pesantissima sui servizi sociali della Val d’Enza e sulla Regione Emilia-Romagna”. Infine è stato fatto notare come “le vittime non erano figli di professoroni o professionisti dell’intellighenzia borghese”, ma si trattava di “famiglie povere, fasce deboli”. “Una volta questa gente era protetta dalla sinistra. Oggi ne è diventata preda”, ha concluso.

E poche settimane fa, la Commissione giustizia della Camera ha avviato il percorso legislativo della proposta di legge contro la cosiddetta omotransfobia.

‘Omogenitorialità’ che, tradotto dal linguaggio biforcuto è metodo Bibbiano, quello della Anghinolfi, che toglieva i bambini ai genitori per darli ai gay.

La Cirinnà aveva un programma da portare avanti:

Questo programma era tempo fa applicato al Forteto, dove la famiglia veniva destrutturata attraverso meccanismi di rieducazione dei bambini sottratti ai genitori dal tribunale dei minori di Firenze. Lo stesso programma svelato in questi giorni a Bibbiano:

Questo è accaduto a Bibbiano. Dove gli assistenti sociali, un branco di pervertiti come questa:

I mostri di Bibbiano, bimbi affidati a coppie gay: torturati

Prendevano bambini da famiglie normali per fare soldi. Ma l’obiettivo, quello vero, era prendersi i bambini. C’è molto di più del business dietro i mostri di Bibbiano.

Magistrato choc: da sindaco PD copertura politica ai mostri di Bibbiano

Toglie i bambini ai genitori, accusandoli di ‘omofobia’, e li dà ai gay:

“Mi dissero che io ero omofobo. E che dovevo cominciare ad abituarmi alle relazioni di genere”, dice il padre di un bambino che la lobby gli ha tolto per prenderselo.

L’obiettivo è prendersi i vostri figli. La legge Cirinnà puntava a questo attraverso le adozioni.

Immaginate cosa potrebbero fare se avessero una copertura legale a quello che hanno fatto a Bibbiano. I mostri sono tra noi. E sono seduti in Parlamento.

E come ha detto il ministro della Famiglia Fontana, ci sono segnalazioni simili da tutta Italia:

Bibbiano non è stato un incidente. Bibbiano è parte di un piano volto a distruggere la famiglia italiana. L’immigrazione è l’altra arma. Insieme servono a destrutturare la società. Per dominarci meglio.

E’ una guerra. Le guerre si combattono.




2 pensieri su “Emilia, PD salva il metodo Bibbiano: “Affidi a coppie omosessuali””

  1. Si è scoperto il sistema bibbiano quando ancora non avevano ufficialmente il potere (può darsi che questo abbia accelerato gli eventi) presi alla sprovvista hanno cercato di indicare come responsabili pochi individui, ma ora che si sono rafforzati escono allo scoperto. Ogni giorno progrediscono nel loro disegno criminale.

Lascia un commento