Nigeriani: “Dovete darci le vostre case sfitte” – VIDEO

Condividi!

L’anno scorso hanno dato asilo all’assassino di Desi e vogliono le nostre case

VERIFICA LA NOTIZIA
Inquietanti dichiarazioni degli ospiti della baraccopoli di Borgo Mezzanone, quella dove si era nascosto, con 11 chili di droga, uno dei profughi che hanno ucciso Desirée.

La baraccopoli, gestita dalla mafia nigeriana, circonda il centro per richiedenti asilo. Salvini l’ha sgomberata.

A parte una serie di frasi preparate ad hoc, la pretesa di case e le frasi “non siamo ‘tutti’ stupratori”, sono rivelatrici:

Non sono ‘tutti’ venuti per stuprare. Il che è già inquietante si sentano di doverlo spiegare. Ma vogliono le nostre case sfitte. Abusivi che per anni hanno occupato una baraccopoli.




5 pensieri su “Nigeriani: “Dovete darci le vostre case sfitte” – VIDEO”

    1. 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣con cucina componibile piano cottura e stanza da letto per fottere👉👌
      poi una vasca da bagno per pulirmi dal sudicio selvaggio mal odorante e doccia
      per favore anche una piscina
      🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

  1. Anche in questo caso è colpa dell’effetto flipper di cui larlavo stamattina. Sono imbeccati dal sistema, loro gli spiegano cosa dire, al momento giusto. Gli africani sono dei fantocci inanimati, dal punto di vista politico. La maledetta segré e i suoi adepti dall’alto muovono i fili e li strumentalizzano. Con questo non vorrei essere fraintesa da qualcuno, come l’altro giorno che un tipo definiva gli africani “neri” e mi dava della grafomane, il che ci può anche stare, le ingiurie sono scivolate come il miele rosato, un balsamo per l’animo mio. Quello che mi ha urtato veramente è stato il confidarmi che a volte dico delle cose giuste.
    Questo mi ha fatto riflettere parecchio. In quale momento ho dato l’impressione di una che se la fa con la sinistra? Meglio specificare: il fatto che siano utilizzati dagli europeisti per le loro macchinazioni ai danni nostri, non toglie colpe e non mitiga il ribrezzo per l’invasore. Spero di essere stata chiara.

Lascia un commento