Richiedente asilo gli perfora il polmone: agguato davanti alla chiesa per l’elemosina

Condividi!

Ha un nome l’immigrato ha aggredito con dei cocci di bottiglia, perforandogli un polmone e costringendolo ad oltre un mese di cure, un uomo fuori dalla basilica di Bonaria a Cagliari.

Francies Agbonlahor, nato in Nigeria nel 1982, attualmente senza fissa dimora e con una richiesta di asilo politico in attesa di ricorso: un altro finto profugo scaricato in Italia dal Pd.

Identificato grazie alle telecamere di sicurezza dei religiosi e della polizia, installate fuori dalla chiesa.

Già in passato Agbonlahor si era reso protagonista di un’altra aggressione, sempre fuori dalla basilica e sempre nei confronti di un connazionale.

Ecco perchè l’unica ipotesi in campo, legata all’aggressione di sabato 19 ottobre, poggia sul “controllo del sagrato” della basilica da parte di chi chiede l’elemosina. Il 38enne potrebbe aver aggredito il suo connazionale perchè infastidito dal fatto che anche lui stesse ricevendo qualche spicciolo dai fedeli. L’arresto del nigeriano – per il reato di tentato omicidio – non è stato semplice: quando gli agenti sono entrati nell’abitazione di proprietà di una donna sarda, con la quale il trentottenne aveva una relazione, ha cercato di sfuggire alla cattura ferendo più di un poliziotto.

Alla fine, l’africano è stato rinchiuso nel carcere di Uta: “Pensiamo che le due aggressioni compiute dal nigeriano nell’ultimo periodo siano legate al controllo della ‘piazza’ esterna alla basilica per chi chiede la carità”, spiega il dirigente della squadra mobile di Cagliari Roberto Pititto, “dobbiamo svolgere ulteriori indagini per appurare la causa reale che ha portato Agbonlahor ad aggredire con così tanta violenza il suo connazionale”.




Un pensiero su “Richiedente asilo gli perfora il polmone: agguato davanti alla chiesa per l’elemosina”

  1. puttana la sarda e tutte le italiane che trombano con luridi negri di merda .
    che si scannassero tra di loro vaffanculo
    e affanculo quelli che gli danno l’elemosina merdosi schifosi di sinistra.
    io non do nulla a nessuno vaffanculo

Lascia un commento