Nigeriano si sente male davanti ai militari: 178 ovuli di droga in pancia ma non muore

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

A Milano, venerdì 18 ottobre, durante un blitz antidroga da parte dei Carabinieri della Compagnia Duomo, coadiuvati da quelli della C.I.O.

del 3° Reggimento Lombardia e da quelli del Nucleo Cinofili di Casatenovo, un nigeriano di 29 anni si è sentito improvvisamente male davanti ai militari. Il ragazzo aveva forti dolori addominali. Tanto da essere accompagnato in ospedale per alcuni controlli.

I medici hanno poco dopo scoperto che il nigeriano aveva ingoiato 58 ovuli di eroina e 120 di cocaina, per un totale di 560 grammi. Valore stimato quasi 10mila euro. Il giovane, dopo essere stato salvato, è finito dritto in carcere, meglio che all’obitorio. Sabato scorso invece un pusher tunisino era morto dopo aver ingerito la droga per sfuggire alle Forze dell’ordine.

Altre tre persone, sempre durante lo stesso raid, sono state arrestate con l’accusa di detenzione di stupefacenti. Un 21enne guineano con 5 grammi di hashish, un libico di 24 anni e un 21enne bengalese. Denunciate in stato di libertà 13 persone, tra le quali sei stranieri per reingresso e soggiorno illegale in Italia Identificati cinquanta soggetti in totale.

Un gambiano di 21 anni è stato invece bloccato perché ritenuto responsabile di una aggressione, avvenuta due giorni prima, con una bottiglia rotta nei confronti di un ventenne ghanese, dimesso dall’ospedale con 35 giorni di prognosi per una lesione da taglio alla mano destra.




2 pensieri su “Nigeriano si sente male davanti ai militari: 178 ovuli di droga in pancia ma non muore”

Lascia un commento